HDP : I membri del MIT hanno parlato, perchè il governo tace? Reviewed by Momizat on . Meral Danış Beştaş deputata di HDP ha parlato del caso delle tre politiche curde assassinate a Parigi cinque anni fa e ha affermato: ” La volontà poitica è un o Meral Danış Beştaş deputata di HDP ha parlato del caso delle tre politiche curde assassinate a Parigi cinque anni fa e ha affermato: ” La volontà poitica è un o Rating: 0
You Are Here: Home » NOTIZIE » HDP : I membri del MIT hanno parlato, perchè il governo tace?

HDP : I membri del MIT hanno parlato, perchè il governo tace?

HDP : I membri del MIT hanno parlato, perchè il governo tace?

Meral Danış Beştaş deputata di HDP ha parlato del caso delle tre politiche curde assassinate a Parigi cinque anni fa e ha affermato: ” La volontà poitica è un ostacolo sulla strada per cui gli omicidi vengano alla luce.” La deputata di HDP di Adana Meral Denis Bestal ha parato con Mezopotamya News Agency (MA) sulle indagini in Turchia ed in Francia in merito all’assassinio delle tre donne rivoluzionarie curde, dei legami con il MIT e dello stato attuale del processo.

La Turchia ha nascosto le informazioni in Francia
Meral Denis Besta ha affermato che lo Stato francese ha preso la via più facile nelle indgini in corso e non ha condutto una indagine efficace e sufficiente: ” Le responsabilità della Francia in questi assassinii don devono essere ignorate. Loro hanno un ruolo enorme. Perchè la Francia ha catturato Ömer Güney e ha riposato sugli allori anche se nulla era stato risolto.

L’accusa ha svolto un’indagine molto più lunga del normale.All’inizio si sapeva che Ömer Güney era malato.Voglio chiedermelo anche io: Ömer Güney è stato scelto come autore di questo massacro perché era malato? Tutto ciò è rimasto senza risposta. Come avvocato nel caso e presidentessa di allora della Commissione Legale del DBP, ero andata a Parigi numerose volte per le indagini. Abbiamo avuto anche l’opportunità di seguire la situazione del caso. L’ufficio del procuratore di Parigi ha richiesto molte informazioni di prima mano dalla Turchia.Hanno chiesto del passato di Ömer Güney, dei suoi legami con il MİT, delle sue visite recentemente in Turchia, l’hotel in cui ha soggiornato in Turchia. Ma la Turchia ha scelto di non ripondere alla Francia su questo tema, o hanno nascosto le informazioni che la Francia in realtà voleva. Fino ad ora la Turchia non ha inviato nessuna informazione alla Francia per far chiarezza sul caso e portare alla luce i responsabili. Tutte le loro risposte hanno spalmato la questione nel corso del tempo, l’hanno aperta a interpretazioni e rese vaghe.La Francia aveva chiesto, la Turchia non ha risposto. Ma cosa aveva chiesto la Turchia? La Turchia aveva chiesto una indagine sulle registrazioni dell’associazione e dei legami di Ömer Güney con il PKK, piuttosto che indagare le ragioni dietro qa questi omicidi. La Turchia aveva tentato di dimostrare che Ömer Güney era un membro del PKK. Questo non aveva nulla a che fare con il caso, perchè questo caso è il caso di tre donne assassinate.

L’atto d’accusa ha determinato i legami di Güney con il MIT

Beştaş ha sottolineato che l’incriminazione preparata dalla Procura di Parigi sull assassinio ha determinato i legami di Guney con il MIT e ha affermato: ” Nonostante questo fatto, la Turchia ha scelto di rimanere in silenzio e di non rispondere. Il procuratore afferma che non hanno potuto avere una risposta per la corrispondenza che avevano mandato in Turchia. La nota di richiesta, la registrazione della voce e i numeri di telefono che sono affiorati in Turchia appartenenti al MIT, sono materia che la procura francese sta prendendo in considerazione in modo particolare. Hanno messo l’onere sulla Turchia per questa materia. La procura francese ha svolto un’indagine molto lunga e non ha potuto raccogliere prove sufficienti, ma deve essere detto ma si può dire che hanno cercato di includerne alcuni, se non tutti, di questi legami nell’atto di accusa “.

Siamo stati ostacolati nell’accesso del fascicolo delle indagini in Turchia
Meral Bestas ha parlato anche delle indagini in Turchia sull’assassinio a Parigi. “La Turchia come sempre, ha lanciato un’indagine per mantenere le apparenza. Le indagini sono incominciate con l’assunzione di un assestamento contabile intra-organizzazione. Sakine Cansiz, Leyla Şaylemez and Fidan Doğan erano elencate come membri del PKK sin dall’inizio delle indagini nel fascicolo delle indagini. Questo da solo ha stabilito quanto l’indagine sarebbe stata a senso unico, che non sarebbe stata neutrale. Nei documenti che la Turchia ha inviato alla Francia, hanno affermato che le decedute erano membri dell’organizzazione, e che dovevano approfondire le indagini in quest’area, in un modo non neutrale. Questo fascicolo era stato rilasciato come riservato, che in passato è servito per prosciogliere gli autori del massacro. Ci è stato quindi impedito di accedere al fascicolo investigativo. Quando non possiamo vedere i dati e le prove, sono in grado di influenzare l’indagine come desiderano. Siamo stati in grado di acquisire informazioni sul fascicolo dell’indagine per una sola volta in conformità con alcune modifiche alla legge sulle procedure penali del 201. Due mesi dopo un altro atto riservato è stato rilasciato per il caso.”

Bestas ha sottolineato che gli la dichiarazione dei dirigenti della KCK a riguardo dei dirigenti di alto rango del MIT catturati nella Regione Federale del Kurdistan in Iraq, e che il MIT aveva pianificato quegli omicidi: “Questa è una dichiarazione importante per l’assassinio, ma non abbiamo i dettagli. Quando il MİT non ha negato e ha dichiarato di non aver nulla a che fare con esso, è diventato certo che sono in effetti quelli che hanno pianificato questi omicidi. Lo hanno detto loro stessi. Ma dicono che ci sono ali diverse tra loro. Qualunque quelle ali possano essere, questi omicidi sono stati commessi sotto l’egida del MİT. Queso è quello che è importante per noi. Ed è un dovere del governo e della magistratura portarlo alla luce.Se affermano che un’altra ala lo ha fatto, per esempio se affermano che i seguaci di Fethullah l’hanno fatto, allora quelli che non seguono Fethullah dovrebbero dichiararlo. Perché preferiscono rimanere in silenzio in questa faccenda? Il pubblico è già fortemente convinto che MİT sia dietro questi omicidi. Ma i dettagli sono sconosciuti e non sono inclusi nel fascicolo. E il fascicolo investigativo non si trasforma in un processo. Ciò che deve accadere ora è che l’indagine si trasformarmi in un processo. Spero e auguro che questi membri del MİT, annunciati dai funzionari della KCK, vengano e affrontino la giustizia in Turchia, e condividano quello che sanno con l’opinione pubblica in un giusto processo. Stiamo aspettando tutto questo con tutta l’attenzione e la curiosità.”

© 2013 UIKI-Onlus Team

Scroll to top