HDK invita la Corte costituzionale a pronunciarsi in modo equo sulla legge di esecuzione delle pene Reviewed by Momizat on . Il Comitato esecutivo del Congresso Democratico dei Popoli (HDK) ha invitato la Corte costituzionale ad essere imparziale, affermando che la legge discriminator Il Comitato esecutivo del Congresso Democratico dei Popoli (HDK) ha invitato la Corte costituzionale ad essere imparziale, affermando che la legge discriminator Rating: 0
You Are Here: Home » NOTIZIE » Bakur » HDK invita la Corte costituzionale a pronunciarsi in modo equo sulla legge di esecuzione delle pene

HDK invita la Corte costituzionale a pronunciarsi in modo equo sulla legge di esecuzione delle pene

HDK invita la Corte costituzionale a pronunciarsi in modo equo sulla legge di esecuzione delle pene

Il Comitato esecutivo del Congresso Democratico dei Popoli (HDK) ha invitato la Corte costituzionale ad essere imparziale, affermando che la legge discriminatoria sull’esecuzione delle pene è un’altra minaccia per i prigionieri che si aggiunge all’epidemia di Coronavirus.

In una dichiarazione scritta, il Consiglio direttivo del HDK ha ricordato che decine di migliaia di persone sono state liberate, tra cui prigionieri politici, in molti paesi del mondo.

L’HDK ha ricordato che “la Turchia è attualmente diventata uno degli epicentri della pandemia di Covid-19, con oltre 120.000 casi da quando il primo caso è stato annunciato ufficialmente l’11 marzo e il bilancio delle vittime è salito a oltre 3.300.

È probabile che il bilancio delle vittime salga più drammaticamente tra i prigionieri che rimangono in carceri con scarse condizioni igieniche e sanitarie in tutto il paese. Nell’aprile 2020, il Partito della giustizia e dello sviluppo (AKP) al potere e il suo alleato della coalizione, il Partito del movimento nazionale (MHP), hanno accelerato una riforma della giustizia penale per liberare circa 90.000 prigionieri e mitigare la diffusione della pandemia nelle carceri. Ma la riforma ha violato il principio di uguaglianza davanti alla legge in quanto ha escluso i prigionieri politici, nonostante le obiezioni espresse da partiti di opposizione, ONG, organizzazioni per i diritti umani e istituzioni mediche.

La dichiarazione ha aggiunto: “In Turchia, la preparazione della legge di esecuzione non è stata condotta in modo trasparente, nonostante gli appelli e gli avvertimenti, e di conseguenza il processo si è concluso con una legislazione discriminatoria”.

L’approvazione della legislazione ha comportato il rilascio di un numero di prigionieri su base discriminatoria.

“Ci sono oltre 40.000 prigionieri politici in Turchia, molti dei quali sono politici curdi, parlamentari, sindaci, giornalisti, rappresentanti della società civile, accademici e attivisti di sinistra. La maggior parte di loro è accusata di atti terroristici, a causa della definizione vaga e sempre crescente di terrorismo nel paese. Mentre queste persone sono messe a grave rischio di contrarre covid-19, la recente riforma della giustizia penale ha consentito il rilascio di persone condannate per omicidio, reati sessuali, traffico di migranti, appropriazione indebita, corruzione, frode, criminalità organizzata, odio e reati di discriminazione, gara d’appalto e sottrazione di minori “. L’HDK ha aggiunto: “Le condizioni sanitarie all’interno delle carceri turche sono particolarmente spaventose. Le amministrazioni penitenziarie non forniscono ai detenuti prodotti per la pulizia gratuiti, necessari almeno per ridurre il rischio di contrarre Covid-19. I detenuti devono acquistarli a prezzi elevati. Quel che è peggio, non sono dotati di maschere e altri dispositivi di protezione. Quelli con problemi medici di base continuano ad avere sempre più difficoltà ad accedere alle cure e le loro richieste di rilascio rimangono senza risposta. “

L’HDK ha ricordato che “questa non è l’unica conseguenza per i prigionieri politici. La riforma legale ha anche introdotto nuovi protocolli carcerari che ostacoleranno ulteriormente i diritti fondamentali dei prigionieri. I nuovi protocolli consentono alle amministrazioni penitenziarie di limitare l’accesso dei detenuti alla stampa, limitare le visite in carcere da parte di famiglie e avvocati, impedire loro di partecipare alle loro udienze in tribunale e imporre punizioni al di fuori degli ambiti penitenziari.

Pertanto, la riforma legale in questione è stata introdotta non come una misura di protezione per garantire il diritto alla vita di tutti i detenuti ma come una misura punitiva per sospendere i diritti e la libertà di certi detenuti “. L’HDK ha dichiarato che “i prigionieri politici dovrebbero essere rilasciati. Notiamo che la riforma legale dovrebbe essere modificata secondo il principio di uguaglianza nell’esecuzione delle pene come dettato dalla Legge sull’esecuzione 5275. La Corte costituzionale dovrebbe immediatamente dichiarare che l’attuazione discriminatoria della riforma legale è contro la Costituzione. La Corte costituzionale dovrebbe agire come istituzione imparziale e sancire il diritto alla vita, il diritto alla salute prima della legge. Riteniamo fondamentale che le organizzazioni internazionali per i diritti umani inizino la solidarietà e programmi di iniziativa contro questa riforma legale discriminatoria che mette a repentaglio la vita di migliaia di prigionieri “.

© 2020 UIKI Onlus Team

Scroll to top