Franceschi: ci sono lezioni da imparare da Afrin Reviewed by Momizat on . Lo scrittore francese Patrice Franceschi ha parlato al forum di Afrin e ha dichiarato che lo stato turco ha attaccato dopo essersi assicurato del silenzio inter Lo scrittore francese Patrice Franceschi ha parlato al forum di Afrin e ha dichiarato che lo stato turco ha attaccato dopo essersi assicurato del silenzio inter Rating: 0
You Are Here: Home » EFRIN » Franceschi: ci sono lezioni da imparare da Afrin

Franceschi: ci sono lezioni da imparare da Afrin

Franceschi: ci sono lezioni da imparare da Afrin

Lo scrittore francese Patrice Franceschi ha parlato al forum di Afrin e ha dichiarato che lo stato turco ha attaccato dopo essersi assicurato del silenzio internazionale. Franceschi ha detto: “Ci sono lezioni da apprendere da Afrin per la protezione della regione.” Lo scrittore Patrice Franceschi ha partecipato alla prima sessione della seconda giornata del Forum internazionale sul cambiamento demografico e la pulizia etnica di Afrin e ha parlato dell’invasione turca ad Afrin.

Franceschi ha sottolineato che l’obiettivo principale ad Afrin e in altre parti del mondo in cui accadono incidenti simili è quello di cambiare la struttura demografica e ha aggiunto che lo stato turco sta prendendo provvedimenti e sviluppando strategie per legittimare l’invasione ed evitare un intervento da parte delle potenze globali.

Lo scrittore francese ha dichiarato: “Lo stato turco voleva cambiare la struttura demografica per intimidire la popolazione di Afrin e abbassare il morale, perché non è riuscito a demoralizzare i combattenti.” Patrice Franceschi ha detto che lo stato turco sta compiendo massacri per non lasciare testimoni in alcune aree: “hanno creato paura e i civili sono terrorizzati. Queste pratiche vanno contro i diritti umani.”

Franceschi ha detto che lo stato turco usa la pretesa che stanno combattendo gruppi di bande per evitare l’intervento straniero e legittimare i propri attacchi e ha sottolineato che attraverso questo metodo il regime di Ankara si è garantito il silenzio internazionale.

Franceschi ha detto: “Si può notare che nessuno dal mondo esterno sta reagendo agli attacchi. Posso affermarlo in base all’entità del loro dominio sulla regione: la Turchia ha limitatamente intimidito i civili in modo che non ritengano loro responsabili e attaccato i civili nelle vicinanze usando le bande.”

Lo scrittore francese ha detto che il regime di Erdogan ha intrapreso una “guerra diplomatica” prima dell’invasione di Afrin e ha aggiunto: “L’obiettivo di questi attacchi era quello di indebolire il Rojava nell’arena diplomatica, poiché ciò avrebbe reso l’invasione più facile.” Franceschi ha aggiunto: “La Turchia ha quindi evitato di essere presa di mira anche dalla NATO, perché la Turchia è un membro della NATO. “Franceschi ha detto che lo stato turco ha piani a lungo termine che non si limitano solo ad Afrin e ha avvertito: “Ci sono lezioni da imparare da Afrin per la protezione di la Regione.”

© 2013 UIKI-Onlus Team

Scroll to top