Fermiamo il terrorismo di stato turco contro giornalisti e bambini Reviewed by Momizat on . Gulistan Mohammad, che è stata ferita da un cecchino dell'esercito turco nella città di Girê Spî, ha inviato una lettera alla comunità internazionale e alle org Gulistan Mohammad, che è stata ferita da un cecchino dell'esercito turco nella città di Girê Spî, ha inviato una lettera alla comunità internazionale e alle org Rating: 0
You Are Here: Home » DIRITTI UMANI » Fermiamo il terrorismo di stato turco contro giornalisti e bambini

Fermiamo il terrorismo di stato turco contro giornalisti e bambini

Fermiamo il terrorismo di stato turco contro giornalisti e bambini

Gulistan Mohammad, che è stata ferita da un cecchino dell’esercito turco nella città di Girê Spî, ha inviato una lettera alla comunità internazionale e alle organizzazioni dei giornalisti per rompere il silenzio delle violazioni contro i civili e i giornalisti.

E’ stata colpita da due proiettili in faccia. In questo momento è in grave difficoltà a causa della ferita alla mascella e alla testa, quindi ha inviato un messaggio all’agenzia durante una visita dei suoi corrispondenti presso il ospedale la domenica mattina.

Ha sottolineato che “unità turche ci hanno preso di mira direttamente e deliberatamente e il loro obiettivo era quello di ucciderci e Dio ha voluto che il proiettile è entrato nella mascella e non nella testa, vero bersaglio del cecchino turco… Questo è terrorismo. “

Ha invitato le organizzazioni internazionali che si occupano di diritti umani e i giornalisti nel mondo a “mettere fine al terrorismo di stato turco contro la stampa e i bambini”

Sull’ultimo stato di salute della corrispondente dell’agenzia ANHA, che è ancora nel centro di terapia intensiva all’interno dell’ospedale, il supervisore, il dott. Shaher Haj Younis, ha detto che è arrivata all’ospedale con un colpo d’arma da fuoco e una ferita alla zona del viso, nella mascella destra, che ha provocato una grave dislocazione nella mandibola. La sua ferita è critica e ha sofferto di gravi emorragie con danni al nervo facciale. “

Il dott. Shaher ha aggiunto: “Abbiamo preso le misure necessarie per salvare la salute della corrispondente ed è stata sottoposti a intervento chirurgico nell’area della mascella. La ferita è stata curata e ripulita da tutti i frammenti di metallo per superare la fase di pericolo, ma sarà ancora trattata per un po’ finché non si riprenderà completamente “

L’esercito turco ha preso di mira i corrispondenti dell’agenzia ANHA Ibrahim Ahmed e Gulistan Mohammed intenzionalmente con un cecchino nella città di Girê Spî adiacente al confine turco nella Siria settentrionale, dove il corrispondente Ibrahim è stato ferito alla mano e Gulistan in faccia e ora stanno ricevendo il trattamento necessario negli ospedali di Girê Spî e Manbij.

© 2013 UIKI-Onlus Team

Scroll to top