Fehîm: Le donne hanno problemi comuni, devono anche avere una lotta comune Reviewed by Momizat on . Gulan Fehîm del Consiglio esecutivo della Società delle donne libere del Kurdistan orientale (KJAR) ha parlato all'ANF dei problemi che le donne hanno in Iran e Gulan Fehîm del Consiglio esecutivo della Società delle donne libere del Kurdistan orientale (KJAR) ha parlato all'ANF dei problemi che le donne hanno in Iran e Rating: 0
You Are Here: Home » DONNE » Fehîm: Le donne hanno problemi comuni, devono anche avere una lotta comune

Fehîm: Le donne hanno problemi comuni, devono anche avere una lotta comune

Fehîm: Le donne hanno problemi comuni, devono anche avere una lotta comune

Gulan Fehîm del Consiglio esecutivo della Società delle donne libere del Kurdistan orientale (KJAR) ha parlato all’ANF dei problemi che le donne hanno in Iran e nel Kurdistan orientale.
Fehîm ha sottolineato che lo stato iraniano sta conducendo una guerra ideologica contro le donne e ha sottolineato che l’Iran giudica qualsiasi probabile cambiamento in materia di diritti delle donne un intervento nella sua ideologia ufficiale.

Fehîm ha richiamato l’attenzione sull’oppressione cui le donne in Iran sono soggette da lungo tempo e ha dichiarato: “Questa situazione sta diventando più grave ogni giorno. A questo proposito il regime iraniano sta conducendo una guerra ideologica contro l’intera società e le donne. Questa realtà si osserva anche nella vita quotidiana, nella sfera pubblica e nel diritto elettorale .
La possibilità di un cambiamento in Iran è bloccata e la questione delle donne non può essere trattata in modo indipendente da questa realtà. Il regime iraniano non accetta cambiamenti rispetto ai diritti delle donne, che considera come intervento contro la sua ideologia ufficiale “.

LE DONNE SONO FUORI DALLA POLITICA
Fehîm ha sottolineato che il regime iraniano sta cercando di tenere le donne fuori dalla politica e ha continuato: “Il regime iraniano sta facendo tutto il possibile per impedire la partecipazione politica alle donne e alle minoranze etniche. Perché se questi elementi avessero possibilità di parola in politica, ci sarebbero dei cambiamenti legislativi. Per questo motivo il regime mantiene chiusa quella porta. Quando il regime sceglie una o due persone, sceglie solo coloro che non rappresentano in alcun modo una minaccia per se stesso”.

I PROBLEMI DELLA DONNA AUMENTANO
Gulan Fehîm ha dichiarato che, oltre ai problemi sociali in Iran, un altro problema sempre più grave riguarda la condizione delle donne, dicendo quanto segue: “Il tasso di suicidio e omicidio delle donne sta crescendo giorno per giorno. I matrimoni forzati delle bambine sono aumentati enormemente. Inoltre questa pratica inumana è stata legalizzata. Le questioni morali stanno aumentando perché le donne sono escluse dalla partecipazione attiva nell’economia. La crisi rispetto alla questione delle donne in Iran si fa ogni giorno più profonda”.

LA LOTTA DELLE DONNE È FRAMMENTATA
Fehîm ha sottolineato che le pratiche contro le donne in Iran riguardano tutte le donne e ha continuato: “Queste pratiche contro le donne comportano una grande ricerca non solo per le donne curde, ma anche tutte le donne persiane, del Balucistan, azere e di altre etnie. Le donne stanno cercando una scintilla per iniziare la lotta e non accettano più la situazione attuale. Anche se si raggiunge l’unità nella lotta di tanto in tanto, questo non è abbastanza. Questo è al tempo stesso il problema più grande “.

BISOGNA AUMENTARE L’IMPEGNO
Gulan Fehîm del Consiglio Direttivo del KJAR ha sottolineato che: “Noi donne del KJAR, non stiamo combattendo solo per le donne del Kurdistan orientale. La nostra lotta è per l’intera società dell’Iran. Ci sono molti componenti diversi nella società iraniana. L’identità delle donne è prioritaria per noi. Possiamo dire che il nostro modello è il Rojava. Proprio come tutte quelle donne di diversa provenienza che lottano fianco a fianco e che conducono la rivoluzione, possiamo fare altrettanto qui. Noi donne condividiamo problemi comuni, quindi abbiamo bisogno di condividere anche la lotta.”.

© 2013 UIKI-Onlus Team

Scroll to top