Famiglie di Sur infuriate contro chi ha fatto scempio delle tombe Reviewed by Momizat on . Le famiglie di giovani che hanno perso la vita durante la resistenza di Sur e che sono stati sepolti nel cimitero di Yeniköy sono infuriate perché le lapidi fun Le famiglie di giovani che hanno perso la vita durante la resistenza di Sur e che sono stati sepolti nel cimitero di Yeniköy sono infuriate perché le lapidi fun Rating: 0
You Are Here: Home » DIRITTI UMANI » Famiglie di Sur infuriate contro chi ha fatto scempio delle tombe

Famiglie di Sur infuriate contro chi ha fatto scempio delle tombe

Famiglie di Sur infuriate contro chi ha fatto scempio delle tombe

Le famiglie di giovani che hanno perso la vita durante la resistenza di Sur e che sono stati sepolti nel cimitero di Yeniköy sono infuriate perché le lapidi funerarie sono stata rotte dalla polizia. Le tombe di appartenenti alle YPS (Unità di Difesa Civili) che hanno perso la vita due anni fa nella resistenza del distretto di Sur di Amed e che sono stati sepolti nel cimitero di Yeniköy nel distretto di Bağlar sono state danneggiate dalla polizia. La polizia ha rotto le lapidi nel cimitero.

Il governatore ha inviato un documento alla Municipalità Metropolitana e ha emanato un ordine di rompere le lapidi che contenevano fotografie e scritte come “Şehîdê Surê” (“Martire di Sur”) e “Data del Martirio”. Il fiduciario ha immediatamente trasmesso l’ordine ai lavoratori del cimitero, ma le famiglie hanno rifiutato. La polizia è entrata nel cimitero a mezzanotte e ha rotto cinque lapidi. Le famiglie stanno protestando contro l’incidente e dicono che ricostruiranno le tombe nello stesso modo.

Grande rabbia

La famiglie visitano in cimitero ogni giovedì e accarezzano le tombe dei loro figli. Nell’ultima visita hanno dato voce alla loro furia per l’attacco alle tombe. Le lapidi di Xebat Erkaplan, ucciso a Sur a 25 anni, è stata spezzata. Dalle pietre rotte, il suo sorriso traspare da una fotografia. Ogni famiglia che passa tocca la fotografia rotta di Xebat e poi maledice gli assalitori. Le sorelle di Xebat hanno espresso la loro rabbia contro questa brutalità. Una delle sorelle ha abbracciato la lapide e e le altre hanno mestato nel fango per togliere le impronte dei poliziotti. Le sorelle di Xebat hanno cantato canti funebri accanto alla tomba e hanno detto, “Abbiamo sepolto Xebat qui oggi, non due anni fa. Questo ha fatto male quanto il primo giorno. Cosa vogliono da nostro fratello? Oh Xebat, alzati e vendicati per questo!”

Non lasciano in pace nemmeno i nostri mo
rti

La madre di Eşref Polat (Kendal), uno dei giovani di Sur sepolti fianco a fianco, Gülsüm Polat, ha pulito la tomba danneggiata e ha messo un pezzo della lapide spezzata sul suo cuore. Con le lacrime agli occhi, Polat ha detto: “Che Allah possa vendicarci. Non lasciano pace nemmeno i nostri morti e le nostre tombe. Basta con questa crudeltà. Nessun altro popolo subisce tanta pressione. Come può questo essere un Paese musulmano? Quelli che hanno fatto questo non possono essere musulmani. Io auguro a coloro che hanno rotto questa lapide di sgretolarsi come questa tomba.”

Il loro eroismo non verrà dimenticato

Mamma Polat ha faticato molto a parlare. Ha detto, “Non c’è legge, non c’è giustizia in questo Paese. Qualcuno deve mettere fine a tutto questo. Rifarò la lapide di mio figlio. Ci scriverò di nuovo ‘martire’. Mio figlio è un martire del Kurdistan. Qualsiasi cosa facciano, non posso fare in modo che la gente dimentichi l’eroismo dei nostri figli. Ho allevato mio figlio nella nostra povertà, e loro lo hanno ucciso. Cosa vogliono dalla sua tomba?”

In un’altra delle tombe danneggiate si trova Cüneyt Yeni (Çekdar) che ha perso la vita a Sur. La sua famiglia vive nel distretto di Lice di Amed e ancora non sa che la tomba di loro figlio è stata danneggiata perché la famiglia questa settimana non è venuta. Le altre famiglie hanno pulito le tombe per loro.

Basta

Il padre di Fırat Çelik (Xebat Andok) Vezir Çelik è corso al cimitero appena ha sentito che le tombe erano state danneggiate e ha detto che aveva vigilato sulla tomba di suo figlio. Çelik ha detto che il cimitero era circondato da unità speciali e anti-sommossa della polizia e che la polizia ha spezzato le lapidi. Çelik ha detto, “Cosa vogliono da noi? Quando sono entrato al cimitero la polizia era sulle tombe. Quando sono arrivato ho avuto paura e che facessero qualcosa anche a me, ma sono venuto lo stesso. Hanno circondato la tomba di mio figlio, ma non l’hanno abbattuta. Ora ci stanno intimidendo. Devono lasciare in pace noi e i nostri figli.”

© 2013 UIKI-Onlus Team

Scroll to top