Donne di Sur: noi non ci piegheremo Reviewed by Momizat on . “Non lasceremo le nostre case, non lasceremo Sur,” ha detto la donna che resiste alla demolizione che va avanti nei quartieri di Alipaşa e Lalebey del distretto “Non lasceremo le nostre case, non lasceremo Sur,” ha detto la donna che resiste alla demolizione che va avanti nei quartieri di Alipaşa e Lalebey del distretto Rating: 0
You Are Here: Home » DONNE » Donne di Sur: noi non ci piegheremo

Donne di Sur: noi non ci piegheremo

Donne di Sur: noi non ci piegheremo

“Non lasceremo le nostre case, non lasceremo Sur,” ha detto la donna che resiste alla demolizione che va avanti nei quartieri di Alipaşa e Lalebey del distretto di Sur di Diyarbakır e che loro non si piegheranno alle pressioni.

Le famiglie che non vogliono lasciare le proprie case nel quartiere di Alipaşa dove procede la demolizione sono state minacciate dalla polizia e sono state costrette a lasciare le proprie abitazioni.

Che tipo di giustizia è questa?
Fatma Beytekin reagisce a quello che sta succedendo dice che non vuole lasciare la sua casa perché ci è nata e cresciuta. “Non voglio lasciare la mia casa ma lo Stato vuole costringerci ad andarcene in inverno usando minacce.” “Dicono che anche la nostra casa è espropriata. Ma come possono espropriarla? Ho l’atto di proprietà della casa. Offrono 10,000 Lire turche per la mia casa. Si dice che qui verranno costruiti degli alberghi. Li costruiranno spendendo miliardi, ma chi può stimare il prezzo per la mia casa che è testimone di 50 anni della mia vita? Che tipo di giustizia è questa?”

Io non lascerò Sur

Fatma dice che la sua casa è stata di sua madre; “Questa casa era di mia madre, dopo che l’abbiamo persa, ci dividiamo questa casa tra cinque fratelli e sorelle. Io non lascerò Sur. Ho affittato una nuova casa nel quartiere di Melik Ahmet, Vivrò lì. Finora riesco ad andare avanti e a crescere i miei figli. Non ci siamo mai piegati e non ci piegheremo.”

Ci hanno minacciati e mi hanno costretta a lasciare la mia casa
Zerife Garbun vive ancora a Sur ma ha dovuto lasciare la sua abitazione per via delle pressioni continue. Dice, “Ho vissuto in questo quartiere di Sur. Ci hanno minacciati e costretti a lasciare le nostre case. Siamo una famiglia di 10 persone, hanno demolito la nostra casa. Qui viveva povera gente ma lo Stato non ci ha dato tregua. Hanno demolito le nostre case con la forza. Mio marito non voleva andarsene da Sur ma siamo stati costretti. Ci hanno trovati anche nel posto dove ci eravamo spostati e costretti ad andarcene anche da lì. Abbiamo affittato una casa a Sur dove ora viviamo, ma abbiamo difficoltà a pagare l’affitto.”

Safiye Kızıla dice che non lasceranno le loro case nonostante la pressione e aggiunge “Vogliono costringerci ad andarcene. Ma noi non vogliamo lasciare il nostro quartiere e Sur. Tutte le case demolite sono state costruite con grandi sforzi. Stanno demolendo i nostri sforzi. Vogliono demolire i nostri sforzi.”

Duygu Ciniviz

© 2013 UIKI-Onlus Team

Scroll to top