Donne arabe: un altro risultato in una storia di lotta e resistenza di donne libere Reviewed by Momizat on . Un numero di donne arabe ha detto che essere accolte tra le donne di Afrin l'8 marzo è motivo di orgoglio dove le donne dimostrano la forza della loro volontà e Un numero di donne arabe ha detto che essere accolte tra le donne di Afrin l'8 marzo è motivo di orgoglio dove le donne dimostrano la forza della loro volontà e Rating: 0
You Are Here: Home » DONNE » Donne arabe: un altro risultato in una storia di lotta e resistenza di donne libere

Donne arabe: un altro risultato in una storia di lotta e resistenza di donne libere

Donne arabe: un altro risultato in una storia di lotta e resistenza di donne libere

Un numero di donne arabe ha detto che essere accolte tra le donne di Afrin l’8 marzo è motivo di orgoglio dove le donne dimostrano la forza della loro volontà e la grandezza dell’unione delle donne nella regione, confermando che questo sia un altro evento che la lotta e la resistenza delle donne ha dominato nella storia.

Martedi, ieri sera, la manifestazione di donne dalle regioni di al-Jazeera, Eufrate, Deir-ez-Zor e la delegazione dal Kurdistan sono arrivate nel cantone di Afrin in sostegno alla resistenza dell’epoca e della partecipazione delle donne di Afrin nelle celebrazioni dell’8 marzo.

Nuria Arab del popolo della città di Raqqa “Dall’inizio della rivoluzione delle donne nel nord della Siria, le bande ISIS sono state sconfitte oggi da un’eroica resistenza. Le donne della resistenza di Afrin completano la lotta contro l’occupazione turca della loro terra, e questo è qualcosa di cui essere orgogliose come donne”.

Nuria ha sottolinea che le madri di Afrin hanno sacrificato le vite dei loro figli per la liberazione di Raqqa dall’ingiustizia e le violazioni dell’ISIS. “Noi, come donne della regione oggi, ripagheremo questi martiri e le loro madri con il nostro sostegno fino alla fine e non lasceremo che la Turchia interferisca con il nostro spirito di fratellanza”.

Per la sua parte, la giovane donna, arrivata dalla città di Tabqa l’8 marzo, ha congratulato tutti i martiri della libertà, le donne e i combattenti di Afrin. “Il nostro arrivo come delegazione di donne porta questa quantità e diversità di componenti e dimostra la coesione femminile tra tutte le donne del nord della Siria. “Quello che si è verificato con gli attacchi di Afrin aggiunge un altro risultato alla storia di donne militanti”.

Anche Leila al-Abd ha aggiunto “Quando siamo arrivate, le donne di Afrin ci hanno accolte con grande spirito e amore, e quando ci hanno mostrato il loro spirito rivoluzionario e il loro spirito alto ci hanno fatto guadagnare fiducia e forza”.

Aisha Hamdi dalla città Deir-ez Zor ha detto che la partecipazione nel Giorno Internazionale delle Donne insieme alle donne resistenti al periodo dà una nuova luce all’importanza di questo grande giorno, e questa iniziativa mostra al mondo che la forza di volontà delle donne non è indebolita dagli attacchi dell’occupazione turca e non saranno scoraggiate a celebrare questo giorno. Lo faranno con più forza.

© 2013 UIKI-Onlus Team

Scroll to top