Dichiarazione Finale del seminario sulle donne curde Reviewed by Momizat on . È stata pubblicata la dichiarazione finale del Workshop nazionale delle donne curde durato 2 giorni a Baarlo, nei Paesi Bassi. Le rappresentanti del TJK-E (Movi È stata pubblicata la dichiarazione finale del Workshop nazionale delle donne curde durato 2 giorni a Baarlo, nei Paesi Bassi. Le rappresentanti del TJK-E (Movi Rating: 0
You Are Here: Home » DONNE » Dichiarazione Finale del seminario sulle donne curde

Dichiarazione Finale del seminario sulle donne curde

Dichiarazione Finale del seminario sulle donne curde

È stata pubblicata la dichiarazione finale del Workshop nazionale delle donne curde durato 2 giorni a Baarlo, nei Paesi Bassi.

Le rappresentanti del TJK-E (Movimento delle donne curde in Europa), KEJAR (Unione delle donne libere del Rojhilat), PUK (Unione patriottica del Kurdistan), Gorran, Komala, Yekgirtu e KDP, donne di Yaresan e Feyli, Movimento delle donne Ezide ( TAJE), Kurdistan Islamic Community (CIK), Kongra Star, KNK ( Congresso Nazionale del Kurdistan), donne del Kurdistan, associazioni, accademiche, parlamentari e donne indipendenti hanno discusso per due giorni sugli sviluppi politici in Kurdistan e sulla situazione delle donne curde.

Ha bisogno di una lotta più forte

Il seminario che si è concentrato sull’invasione e l’attacco contro il Kurdistan, ha sottolineato che le donne curde continueranno a lottare in modo organico e più forte.

La dichiarazione finale dichiara: “La società kurda si trova di fronte a grandi pericoli, ma anche a grandi opportunità di libertà e di risolvere i problemi. Le donne del workshop hanno approvato alcuni punti “.

La dichiarazione finale di 11 item del Workshop nazionale europeo delle donne curde è la seguente:

* Noi donne del Workshop nazionale europeo curdo, siamo sull’orlo della ripetizione di una seconda Losanna. In particolare, condanniamo l’atteggiamento del regime turco e iraniano occupanti e l’atteggiamento dei poteri sovrani. Dichiariamo che continueremo le nostre azioni, organizzazione e lotta contro questi poteri.

* Condanniamo le operazioni di occupazione dello stato turco nel Kurdistan meridionale e ad Afrin. Le donne del Kurdistan devono opporsi a questa occupazione, combattendo in ogni area per il ritiro dello stato turco dal Kurdistan e per la fine dell’occupazione.

* Condanniamo l’esecuzione dei prigionieri politici dal regime iraniano. Chiediamo di fermare l’esecuzione di Ramin Hossein Panahi e il rilascio di tutti i prigionieri politici, a cominciare da Zeinab Jalaliyan.

* Condanniamo le continue operazioni di genocidio politico in Turchia. Tutti i prigionieri politici, in particolare il leader del popolo curdo Abdullah Öcalan, deve essere liberato.

* Proponiamo di tenere il 3 ° Workshop delle donne kurde in Kurdistan.

* I curdi che sono stati costretti a trasferirsi in Europa a causa della guerra e dell’invasione in Kurdistan dovrebbero unirsi a questa lotta.

* La piattaforma nazionale delle donne curde dovrebbe essere organizzata in modo più ampio in Europa.

* Bisogna sostenere in ogni modo possibile una più ampia organizzazione delle donne curde nel campo delle arti.

* È necessario organizzare più lotte per promuovere la lingua e la cultura curde.

* Tutte le donne del Workshop nazionale kurdo dovrebbero essere responsabili della consegna del contenuto del workshop alle donne curde che vivono in Kurdistan e in Europa.

* Come donne del Workshop nazionale europeo delle donne curde, sosteniamo l’HDP e in particolare le sue candidate nelle prossime elezioni che si terranno in Turchia il 24 giugno.

© 2013 UIKI-Onlus Team

Scroll to top