Dichiarazione congiunta di difesa dei deputati del Partito democratico dei popoli (HDP) Reviewed by Momizat on . Il Partito democratico dei popoli (HDP) che io rappresento ha ricevuto oltre sei milioni di voti nelle elezioni politiche del 7 giugno , passando lo sbarramento Il Partito democratico dei popoli (HDP) che io rappresento ha ricevuto oltre sei milioni di voti nelle elezioni politiche del 7 giugno , passando lo sbarramento Rating: 0
You Are Here: Home » NOTIZIE » Dichiarazione congiunta di difesa dei deputati del Partito democratico dei popoli (HDP)

Dichiarazione congiunta di difesa dei deputati del Partito democratico dei popoli (HDP)

Dichiarazione congiunta di difesa dei deputati del Partito democratico dei popoli (HDP)

Il Partito democratico dei popoli (HDP) che io rappresento ha ricevuto oltre sei milioni di voti nelle elezioni politiche del 7 giugno , passando lo sbarramento elettorale del 10% e conquistando 80 seggi in Parlamento.La nostra vittoria ai seggi elettorali ha posto a termine il dominio del Partito della giustizia e dello sviluppo (AKP) ,ed ha impedito ad esso di formulare da solo una nuova Costituzione.Il Presidente Recep Tayyip Erdoğan, che puntava a stabilire il suo “dominio di un uomo” nel paese e che non aveva esitato a ricorrere a tutti i generi di illegalità per adempiere al suo intento,non ha rispettato i risultati di queste elezioni.Ha impedito la formazione di ogni coalizione di governo e a chiesto semplicissime elezioni.

Nel frattempo Erdoğan ha anche posto a termine il processo di pace lungo di tre anni (con il movimento curdo),dopo aver visto che che non corrispondeva a servire i suoi interessi e per allargare la sua base elettorale, ed ha trascinato in paese in un processo di conflitto infiammato.L’ambiente di conflitto ha creato tra i nostri cittadini delle preoccupazioni a causa della sicurezza.In mezzo a questo clima di shock e di paura,le elezioni anticipate si sono svolte in condizioni che erano molto lontane dall’essere eque libere.

LAKP ha vinto le elezioni il 1 ° novembre 2015 e ha formato di nuovo un governo a partito unico.Dopo aver saputo dei risultati delle elezioni del 7 giugno, ha messo in scena con un grande grande panico ed in gran tumulto un colpo di Stato politico superando il Parlamento ed il paese, sottoponendo la magistratura sotto un controllo di grande portata, e monopolizzando i media.

È arrivato a tal punto di annunciare pubblicamente di avere sequestrato lo Stato dichiarando egli stesso di non essere vincolato dalla Costituzione, dichiarando di fatto un cambiamento del regime , annunciando che non ha riconosciuto le decisioni della Corte Costituzionale.Erdogan si trova di fronte a gravi accuse di essere coinvolto in numerose attività criminali mentre conduceva l’Ufficio del Primo Miistro, tra cui la corruzione, il furto, il riciclaggio di denaro, la conduzione di commercio di oro con l’Iran in violazione dell’embargo internazionale, e la fornitura ad agenti terroristici in Siria di armi.E finora ha avuto successo nell’ostacolare le indagini di queste accuse con la pressione e il controllo che ha esercitato sulla magistratura.
.Erdogan è consapevole del fatto che l’unico modo per coprire in modo efficace i suoi crimini è quello di monopolizzare tutti i poteri nelle sue mani.E ‘evidente che egli non si asterrà dal fare qualsiasi cosa a breve di folle a tal fine.

Egli ha impregnato il Paese nel sangue, ed è riuscito a infiammare i sentimenti nazionalisti e maschilisti e i discorsi di odio razziale nei discorsi in pubblico inviando bare ai quattro angoli del paese.Erdogan si avvicina ai suoi obiettivi personali passo dopo passo con il sostegno delle masse popolari che aveva attirato alla fedeltà per servirlo con la menzogna,”La patria è sotto la minaccia di partizione.”HDP è l’unico ostacolo prima che Erdogan di consegua il suo obiettivo; cioè, stabilire una dittatura sotto l’apparenza di un sistema presidenziale.

Il nostro partito superando la soglia elettorale per la seconda volta nelle elezioni politiche del 1° novembre, entrando in parlamento acquisendo 59 seggi ha impedito al signor Erdogan di ottenere la maggioranza necessaria per cambiare la Costituzione contando solo sui suoi legislatori.Questo è il motivo per cui si è adoperato per un altro eventuale colpo e elezioni ad interim che possano garantire una maggioranza composta di almeno 367 deputati dell ‘AKP a lui fedeli .

Il nostro partito l’HDP riunisce i rappresentanti di tutti i diversi gruppi etnico-linguistici ed i gruppi religiosi che compongono il tessuto della società multiculturale, multilingue, multi-religiosa della Turchia.Noi rappresentiamo turchi, curdi, arabi, armeni, turcomanni, assiri, yazidi, e molti altri gruppi etnici, che credono che è possibile vivere insieme in eguaglianza e giustizia.Noi credono che l’unico modo per sostenere questa coesistenza è una democrazia pluralista sostenuta da una forte democrazia locale e l’autonomia.Il nostro partito l’HDP abbraccia pienamente la lotta delle donne per la libertà e la libertà.Garantendo la partecipazione paritaria delle donne in politica, il nostro partito ha finora ottenuto la più alta rappresentanza di parlamentari donne nella politica parlamentare della Turchia.La revoca dell’immunità di tutte le nostre parlamentari è una minaccia per tutte le donne in Turchia e un assalto alla loro lotta.Noi ci opponiamo a ogni forma di violenza e crediamo nella forza del dialogo e del negoziato nel risolvere tutti i problemi.Erdogan, che mira a consolidare un dominio fascista di un solo uomo, di un linguaggio e di una setta, percepisce questa posizione di HDP anche come una “minaccia ideologia”.

È ‘per queste ragioni che il signor Erdogan ha preso di mira HDP da quando è entrato in politica.Dopo non aver impedito per più volte il successo elettorale del nostro partito, nonostante ogni sorta di trucchi, ingiustizie , attacchi e attentati, Erdogan ha costretto la rimozione delle nostre immunità parlamentari, con lo scansare della costituzione e dello statuto parlamentare.Come qualcuno che possedere l’indipendenza e l’imparzialità sono fortemente discussi pubblicamente, si sta ora cercando di perseguitarci nei cosiddetti processi.Noi siamo i rappresentanti eletti del popolo. Noi non rappresentiamo noi stessi, ma la le persone che ci hanno eletto.In questo momento, sto davanti a te come un membro del parlamento con il diritto di immunità legislativa.Non possiamo o permettere possa essere fatta mancanza di rispetto a per la volontà elettorale della mia gente e di questa identità che rappresento.

Una maggioranza parlamentare di 367 voti è necessaria per fare emendamenti alla Costituzione.Non abbiamo remore a che presentino le nostre azioni davanti a un tribunale equo e imparziale.Non abbiamo fatto nulla che non siamo in grado di spiegare.Eppure, non potremo mai accettare di essere oggetto di una indagine politica in questo momento dove la credibilità della magistratura è crollata in basso.Non abbiamo alcun sospetto e mancanza di rispetto per voi come una persona. Eppure ci rifiutiamo di essere un fantoccio in questa indagine che sta avendo luogo a causa solo di Erdogan, che ha una pesante storia politica cancellata.Non mi rispondere a eventuali domande che mi chiedeva. Non credo che si vuole condurre un processo equo con qualsiasi mezzo.Non rispondiamo a eventuali domande che chiedete.Non crediamo che condurrete con ogni mezzo un processo equo.È già contro la legge che ci portate qui.Controparte politica nel campo politico sono altri politici ,e non membri della magistratura.Come membri della magistratura, voi stessi dovreste rifiutarvi di essere parte di giochi o trame.giochi o trame.Voi siete vincolati ai principi universali e democratici della legge, così come alle convezioni internazionali che la Turchia ha sottoscritto ed ha integrato nella Costituzione.

Continueremo con determinazione la nostra lotta politica fino a quando sarà stabilito un regime democratico e la pace e la serenità sarà ottenuta nel nostro paese.Continueremo difendere
la convivenza nell’eguaglianza contro la polarizzazione sociale e antagonismo.Continueremo a difendere la lotta politica democratica contro la violenza.Continueremo a schierarci contro il monismo sostenendo il pluralismo, e contro il fascismo sostenendo la democrazia.Continueremo ad opporci alle politiche settarie e razziste difendendo la libertà di religione e di coscienza.

Continueremo ad opporci alla discriminazione e ai discorsi di odio sostenendo l’uguaglianza.E naturalmente continueremo nella nostra difesa dell’uguaglianza e di tutti i diritti di cui il
popolo curdo ha diritto a perché è un popolo.Continueremo a sostenere la richiesta della comunità alevita per uguali diritti di cittadinanza, e per la libertà di credo per tutte le minoranza religiose.

Continueremo la nostra lotta per l’eguale partecipazione delle donne nella vita politica ed economica.Continueremo la nostra lotta per proteggere l’ambiente e ecologia contro la distruzione del capitalismo.Noi continueremo a difendere il lavoro dall’avidità del capitale per più profitti, e sostenendo i diritti dei lavoratori.

Indipendentemente dal fatto che ci troviamo in prigione o in parlamento, non saranno in grado di impedirci di lottare per questi ideali.Non abbiamo alcun dubbio che sbarazzeremo di questo ordine fascista che è stato imposto su di noi e sul nostro Paese per il bene di un sistema presidenziale.Prima o poi la nostra lotta democratica prevarrà.Questo regime fatiscente del sig Erdoğan cambierà.Non ho nessuna richiesta o aspettativa da voi. E ‘solo il mio popolo che mi hanno eletto che può mettere in dubbio la mia attività politica.

© 2013 UIKI Onlus Team

Scroll to top