Detenuti politici: sciopero della fame contro l’isolamento Reviewed by Momizat on . Tre giorno di sciopero della fame per protestare contro il regime di isolamento imposto al leader del popolo curdo Abdullah Ocalan e per richiedere il rilascio Tre giorno di sciopero della fame per protestare contro il regime di isolamento imposto al leader del popolo curdo Abdullah Ocalan e per richiedere il rilascio Rating: 0
You Are Here: Home » DIRITTI UMANI » Detenuti politici: sciopero della fame contro l’isolamento

Detenuti politici: sciopero della fame contro l’isolamento

Detenuti politici: sciopero della fame contro l’isolamento

Tre giorno di sciopero della fame per protestare contro il regime di isolamento imposto al leader del popolo curdo Abdullah Ocalan e per richiedere il rilascio dei detenuti malati. Scrivendo per conto dei detenuti del PKK e del PAJK in Turchia, Deniz Kaya ha affermmato che i detenuti porteranno avanti uno sciopero della fame per protestare contro il regime di isolamento imposto ad Ocalan, così come per la richiesta di rilascio dei detenuti politici malati e le loro cure mediche.

La dichiarazione di Deniz Kaya afferma:

“ Mentre aumentiamo la nostra lotta per l’ottenimento di una vita grande e significativa, si deve sapere che non ci siamo mai fermati in nessun momento nel resistere agli attacchi del fascismo.

Noi siamo contro ogni tipo di ostacoli reazionari nella nostra fiducia nella verità e nella libertà”.

La dichiarazione ha aggiunto: “ È tempo per coloro che sono a favore della verità e della libertà di mostrare coraggio e dire “ il re è nudo”.

Il governo Erdogan sta ricorrendo costantemente alla violenza e alla repressione per legittimare se stesso. Per questa ragione, tutti gli intellettuali democratici devono rompere questo silenzio. Deve essere noto che il nostro leader a Imrali ha un opinione nonostante il duro isolamento a cui è sottoposto”.

La dichiarazione prosegue: “ Noi, 10.000 detenuti politici del PKK de del PAJK non accetteremo mai l’isolamento imposto al nostro leader”.

La dichiarazione ha evidenziato anche il peggioramento delle condizioni in carcere e ha ricordato la situazione nei recenti mesi di Nihat Baymiş, Celal Şeker, Selahattin Aytek e Koçer Özdal: “ Essi hanno perso le loro vite- afferma la dichiarazione- perché i loro problemi di salute erano seri e non sono stati curati adeguatamente.”

Tre giorni di sciopero della fame

La dichiarazione chiude dichiarando che tutti i detenuti andranno in sciopero della fame per 3 giorni, a cominciare dal 12 settembre.

“Chediamo – dice la dichiarazione- a tutta la nostra gente e all’umanità di alzare la voce contro il regime fascista sviluppato dallo Stato turco. Ricordiamo ancora una volta tutti i nostri compagni che hanno perso la vita e dichiariamo che aumenteremo il grado della nostra lotta per onorare le loro memorie.”

© 2013 UIKI-Onlus Team

Scroll to top