Deputati HDP iniziano sciopero della fame Reviewed by Momizat on . Si stanno diffondendo gli scioperi della fame per chiedere la fine dell’isolamento del leader curdo Öcalan. 10 deputati dell’HDP (Partito Democratico dei Popoli Si stanno diffondendo gli scioperi della fame per chiedere la fine dell’isolamento del leader curdo Öcalan. 10 deputati dell’HDP (Partito Democratico dei Popoli Rating: 0
You Are Here: Home » NOTIZIE » Deputati HDP iniziano sciopero della fame

Deputati HDP iniziano sciopero della fame

Deputati HDP iniziano sciopero della fame

Si stanno diffondendo gli scioperi della fame per chiedere la fine dell’isolamento del leader curdo Öcalan. 10 deputati dell’HDP (Partito Democratico dei Popoli), inclusa la co-Presidente Pervin Buldan, inizieranno uno sciopero della fame all’interno del Parlamento turco contro le misure di isolamento aggravato imposte al leader del popolo curdo Abdullah Öcalan nel carcere di massima sicurezza sull’isola di İmralı.

Lo sciopero della fame inizierà dopo l’incontro del gruppo parlamentare martedì e durerà due giorni. Insieme all’azione dei deputati in Parlamento, l’HDP ha inviato istruzioni a tutte le sedi provinciali del partito di iniziare scioperi della fame di tre giorni in tutte le città dove il partito è organizzato. Queste azioni inizieranno il 3 dicembre e vedranno la partecipazione dei deputati il 4 dicembre.

Deputati HDP di Amed e Mersin in sciopero della fame
I deputati HDP di Amed hanno lanciato uno sciopero della fame di 3 giorni contro l’isolamento. I deputati del Partito Democratico dei Popoli (HDP) di Amed hanno lanciato uno sciopero della fame di 3 giorni contro l’isolamento imposto al leader del popolo curdo Abdullah Öcalan. I deputati Selcu Mizrakli, Dersim Dag, Remziye Tosun, Semra Guzel, Musa Farisogullari e Saliha Aydeniz stanno partecipando allo sciopero in corso nella sala conferenze Vedat Aydin nell’ufficio provinciale dell’HDP.

Il deputato HDP Selcuk Mizrakli ha letto una dichiarazione dicendo che lo sciopero della fame della co-Presidente del DTK Leyla Guven è al 26° giorno. Ha protestato contro i radi della polizia nell’ufficio HDP di Mersin e l’arresto delle persone in sciopero della fame. Mizrakli ha detto che la pressione del governo dell’AKP contro le azioni e gli eventi del loro partito per la pace e una soluzione rendono più profonda impossibilità di una soluzione e ha aggiunto: “Per dare voce a coloro che stanno mettendo in gioco il proprio corpo per mettere fine alle politiche di isolamento che preoccupano tutti gruppi della società che hanno a cuore modalità umane e pacifiche, noi come deputati di Amed stiamo iniziando uno sciopero della fame di sostegno della durata di 3 giorni.”

Mizrakli ha detto che il governo deve rendersi conto subito delle proprie responsabilità e ha aggiunto: “Vogliamo attirare l’attenzione sugli scioperi della fame lanciati nelle carceri e chiedere una risposta a questa richiesta umanitaria che riguarda tutta la società, e un percorso per il dialogo e una soluzione. Il governo è responsabile per eventi negativi legati allo sciopero della fame. Chiediamo al governo di ascoltare questo appello che viene da tutte le carceri e di aprire percorsi per un dialogo e una soluzione.”

Scioperi della fame contro l’isolamento imposto al leader del popolo curdo Abdullah Öcalan si stanno diffondendo. La deputata HDP e co-Presidente del DTK in carcere Leyla Guven è al 26° giorno di sciopero della fame, mentre azioni si diffondono in tutte le città.
Dopo che 10 componenti del partito sono entrati in sciopero della fame a sostegno di Leyla Guven sono stati arrestati ieri, il comitato organizzativo dell’HDP si è riunito e ha deciso di allargare le manifestazioni.

I deputati Fatma Kurtulan, Ridvan Turan e Tulay Hatimogullari, entrati in sciopero della a Mersin, sono stati colpiti da operazioni di genocidio politico.

Esponenti dell’Associazione per i Diritti Umani (IHD) e il co-Presidente del Partito della Rifondazione Socialista (SYKP) Canan Yuce, e iscritti HDP hanno visitato i deputati HDP in sciopero della fame. I deputati HDP hanno detto che saranno una voce per Leyla Guven.

Kurtulan ha evidenziato che l’isolamento è un crimine contro l’umanità: “L’isolamento colpisce tutte le dinamiche democratiche in Turchia e in Medio Oriente. Con l’isolamento, la guerra acquisisce altri aspetti e si diffonde. Con l’isolamento, la democrazia e la pace sono sospese. In un periodo del genere, Guven ha iniziato questa manifestazione per metterlo in evidenza. Il messaggio che Guven voleva dare al mondo esterno tramite i suoi avvocati era solo questo. Abbiamo detto ‘Leyla Guven ha ragione. L’isolamento deve finire subito e abbiamo iniziato un percorso di solidarietà.”

Kurtalan ha continuato: “Ieri hanno cercato di sabotare questa manifestazione nei nostri uffici provinciali, ma nonostante i loro tentativo di sabotaggio, noi abbiamo deciso di continuare oggi lo sciopero della fame con tre deputati. Continueremo a mostrare solidarietà con gli attivisti in sciopero della fame che sono stati arrestati. Abbiamo deciso di praticare questa solidarietà ovunque. Facciamo appello al nostro popolo: Volevano far fallire questa solidarietà, ma noi abbiamo fatto fallire loro. Noi siamo qui. Noi invitiamo tutti a venire qui in solidarietà.”

Tulay Hatimogullari ha detto: “Continueremo lo sciopero qui e fuori, sia per i nostri amici in carcere sia per Leyla Guven. Il governo dell’AKP attacca il nostro partito sono dovuti anche alle imminenti elezioni. Ma io devo dire che continueremo la nostra lotta fino a quando porteremo la pace, la fratellanza e la libertà in questo Paese.”

Ridvan Turan ha detto che gli incidenti sono stati barbarici e ha aggiunto:
“Il governo con questi attacchi vuole spezzare la volontà di Leyla Guven. Questo è quello che ne pensiamo. Vogliamo ribadire ancora una volta che noi stiamo dalla parte della nostra amica Leyla Guven. Non possono spezzare la nostra volontà con simili attacchi criminali. Noi sosteniamo questa manifestazione. Noi sappiamo che le politiche di isolamento contro Öcalan non porteranno alcun vantaggio a questo Paese. Questo approccio da parte del governo è guidato dalla volontà di spezzare la volontà per la pace e la democrazia e dalle elezioni amministrative.

© 2013 UIKI-Onlus Team

Scroll to top