Dentro o fuori: l’isolamento deve essere spezzato Reviewed by Momizat on . A nome di prigionieri e prigioniere del PKK e PAJK in Turchia, Deniz Kaya dichiara che lo sciopero della fame contro l’isolamento di Abdullah Öcalans va avanti. A nome di prigionieri e prigioniere del PKK e PAJK in Turchia, Deniz Kaya dichiara che lo sciopero della fame contro l’isolamento di Abdullah Öcalans va avanti. Rating: 0
You Are Here: Home » NOTIZIE » Dentro o fuori: l’isolamento deve essere spezzato

Dentro o fuori: l’isolamento deve essere spezzato

Dentro o fuori: l’isolamento deve essere spezzato

A nome di prigionieri e prigioniere del PKK e PAJK in Turchia, Deniz Kaya dichiara che lo sciopero della fame contro l’isolamento di Abdullah Öcalans va avanti.

Come portavoce dei prigionieri e delle prigioniere del processo PKK e PAJK in Turchia, Deniz Kaya in una dichiarazione scritta ha fatto sapere che la coalizione di governo AKP e MHP a fronte delle richieste degli scioperanti della fame punta a spezzare la resistenza con metodi da guerra speciale. Lo sciopero della fame iniziato il 16 dicembre da un primo gruppo di prigionieri per la fine dell’isolamento del fondatore del PKK Abdullah Öcalan, al quale si sono uniti circa 250 prigionieri e prigioniere, va avanti fino a quando Öcalan potrà “vivere e lavorare in libertà”, così Deniz Kaya.

La dichiarazione afferma inoltre che il fatto che la politica curda Leyla Güven prosegua il suo sciopero della fame iniziato il 7 novembre anche dopo il suo rilascio di ieri dal carcere anche “fuori” ha un grande significato. “Come prigioniere e prigionieri del PKK e del PAJK continuiamo la nostra resistenza con grande determinazione. Facciamo appello al nostro popolo e all’opinione pubblica democratica di schierarsi con la nostra lotta e di dargli voce. Che sia dentro o fuori – l’isolamento deve essere spezzato.”

Strasburgo: La nostra resistenza andrà avanti fino a quando finirà l’isolamento
In una dichiarazione congiunta i 14 scioperanti della fame a Strasburgo hanno confermato che la loro azione andrà avanti.

Gli attivisti in sciopero della fame a Strasburgo, tra cui il co-Presidente del KCDK-E Yüksel Koç, l’ex deputata di Urfa Dilek Öcalan e la giornalista Gülistan Çiya Ike, hanno detto che la loro resistenza andrà avanti.

In una dichiarazione intitolata “Continueremo il nostro sciopero della fame fino a quando verrà messa fine all’isolamento”, gli scioperanti hanno sottolineato il fatto che la dittatura di Erdoğan sta agendo in modo disperato a fronte della risposta internazionale allo sciopero della fame contro l’isolamento.

La dichiarazione ha evidenziato che il rilascio della deputata HDP di Hakkari Leyla Güven è un nuovo gioco mirato a spezzare la resistenza.

“Ci fa piacere – dice la dichiarazione – vedere il rilascio di Leyla Güven nel 79° giorno del suo sciopero della fame contro l’isolamento.Chiaramente Erdoğan è in difficoltà per l’influenza internazionale degli sciopero della fame in Europa, Hewlêr, Wales, Duisburg, Olanda e Toronto. Per spezzare la resistenza è ricorso a nuovo sporco trucco di guerra.”

Lo sciopero della fame è stato lanciato per chiedere la fine dell’isolamento
Nella dichiarazione rilasciata dopo il rilascio della deputata HDP di Hakkari, gli scioperanti a Strasburgo hanno ricordato che l’azione è stata lanciata per chiedere la fine dell’isolamento del Leader del popolo curdo Abdullah Öcalan.

“Leyla Güven – aggiunge la dichiarazione – ha confermato la sua determinazione ad andare avanti con la resistenza e di proseguire lo sciopero della fame quando ha risposto ai giornalisti: ‘Io continuerò questa azione perché ho iniziato non per essere rilasciata, ma per mettere fine all’isolamento.”

Leyla Güven, prosegue la dichiarazione “ha detto fin dal primo giorno che lo scopo del suo digiuno è di mettere fine all’isolamento del Leader Öcalan. L’isolamento imposto al Leader Öcalan è imposto a tutti i popoli, in particolare al popolo del Kurdistan.”

La dichiarazione sottolinea inoltre che gli scioperi della fame si sono diffusi in tutto il mondo per opporsi al regime di Erdoğan e alle politiche genocide.

Appello a sostenere la resistenza
La dichiarazione ha ricordato che non solo Leyla Güven ma anche Nasır Yağız (che ha raggiunto il 67° giorno di digiuno) sono determinati ad andare avanti con lo sciopero della fame nonostante le loro condizioni di salute.

Gli attivisti in sciopero della fame a Strasburgo hanno invitato tutti a sostenere la resistenza e a svolgere il loro ruolo.

© 2013 UIKI Onlus Team

Scroll to top