Decine di omicidi politici irrisolti nel territorio francese Reviewed by Momizat on . "Non c’è paese in Europa con più omicidi politici della Francia, abbiamo notato un'impotenza giudiziaria" e ogni volta che le autorità francesi fanno dichiarazi "Non c’è paese in Europa con più omicidi politici della Francia, abbiamo notato un'impotenza giudiziaria" e ogni volta che le autorità francesi fanno dichiarazi Rating: 0
You Are Here: Home » I CRIMINI » Decine di omicidi politici irrisolti nel territorio francese

Decine di omicidi politici irrisolti nel territorio francese

Decine di omicidi politici irrisolti nel territorio francese

“Non c’è paese in Europa con più omicidi politici della Francia, abbiamo notato un’impotenza giudiziaria” e ogni volta che le autorità francesi fanno dichiarazioni, dicono ‘faremo tutto il possibile per trovare e perseguire gli assassini’ e poi non succede nulla”.
Il 9 gennaio 2013, tre attiviste curde sono stati assassinate a Parigi. Il presunto assassino, arrestato, è morto in prigione a causa di un tumore al cervello alla fine del 2016. Ma il caso giudiziario non finisce, perché identifica coloro che hanno ordinato il crimine all’interno dei servizi segreti turchi.

L’avvocato Antoine Comte ha detto che le autorità politiche francesi hanno poco coraggio in questo caso, mentre lo scrittore anti-coloniale Nils Andersson, ha sospetto che i casi giudiziari in questo tipo di delitti, non conducano ad un verdetto.

Pubblichiamo di seguito l’elenco non esaustivo, composto da Nils Andersson, di crimini politici irrisolti commessi sul suolo francese.

Morti al di fuori della Francia

Nils Andersson: “sono decine gli omicidi politici irrisolti in Francia dopo la fine degli anni Cinquanta fino ad oggi, ma la Francia commette anche omicidi fuori dal suo territorio chiamati ‘Operazioni Homo’: un’operazione contro una persona per rimuoverla fisicamente. L’ex presidente François Hollande ha riconosciuto che sono stati dati ordini per le operazioni homo all’estero: in Ciad, Siria, Libano. Il fatto che la destra francese gridasse allo scandalo perché queste cose “non sono ammesse”, di certo non smentisce l’accaduto. Mitterrand ha sempre negato di essere informato sul caso Rainbow Warrior, ma tali operazioni non possono essere fatte senza l’accordo della Presidenza o almeno del ministro interessato”.

Omicidi irrisolti in Francia

Nils Andersson. “Ma diverse decine di omicidi politici hanno avuto luogo sul suolo franceseessenzialmente contro i palestinesi, sudafricani e algerini, con o senza la connivenza dei servizi segreti e dei poteri politici francesi. Tuttavia, la maggior parte degli omicidi politici sono stati perpetrati contro gli attivisti baschi, fatta dal governo spagnolo in Francia ma con una certa collusione con i poteri francesi.

Ora, la grande questione è che nessuno di questi omicidi ha trovato un verdetto in un’aula di tribunale. Il più delle volte non verdetto o di un verdetto di “non provato”, tranne in due casi: sia Chapour Bakhtiar, ex ministro sotto la guida dello Scià di Persia che un’altra persona vicino al governo dello Scià dell’Iran, sono stati uccisi in Francia e gli assassini processati. Quindi la mia conclusione è: quando si tratta di governi amici, gli assassini e quelli che hanno ordinato gli omicidi sono trovati, identificati e processati, mentre in tutti gli altri casi – Sud Africa, Algeria, Palestina, curdi, tamil, ecc – non vi sono progressi nel procedimento giudiziario. Non c’è mai un verdetto e questo desta molti sospetti”.

Confabulazione indiretta con i servizi francesi: Ben Barka, Henri Curiel, …

Nils Andersson. “Sappiamo che in alcuni casi – nel caso di Ben Barka risulta palese – esiste un patto tra i servizi segreti francesi e l’assassno. Ho conosciuto Ben Barka poche settimane prima del suo omicidio. Era in Svizzera protetto dai comunisti spagnoli, e non è l’ideale esser protetto da persone che sono perseguite dalla polizia del paese per le loro attività anti-franchiste. Così ho incontrato Ben Barka per risolvere questo problema e quando parlammo di una protezione in Francia, lui disse ‘no, perché sono protetto dal generale De Gaulle’. Tuttavia la protezione di De Gaulle non fu sufficiente. Si crearono legami tra i rami dei servizi segreti francesi e quelli stranieri. Un giornalista svizzero mi disse: ‘Quando Ben Barka è venuto a Parigi, il giorno in cui è stato rapito, la polizia dell’aeroporto svizzero gli ha detto di non prendere quell’aereo’. Ma Ben Barka aveva una grande fiducia in de Gaulle. Lo stesso tipo di collusione ha avuto luogo nell’omicidio di Henri Curie. Sicuramente Mohamed Boudia fu ucciso dal Mossad. Il Mossad può agire in Francia coprendosi, almeno per portare a termine il suo infiltraggio. Ma Ben Barka e Henri Curiel sono stati uccisi dallo stesso tipo di persone, la collusione qua è evidente”.

La Turchia è coinvolta: mai un processo, questo è sospetto.

Più tardi, le Tigri Tamil sono stati uccisi a Parigi nel 1996/2012 e le tre attiviste curde nel 2013. Se i servizi segreti francesi non sono coinvolti direttamente, lo Stato francese non è molto coraggioso e interessato a chiarire questi omicidi.

Nils Andersson: “Nel caso dell’omicidio delle tre donne curde, i servizi francesi non sono coinvolti, ma non hanno il coraggio di continuare la causa in tribunale. I servizi dell’intelligence dello Stato turco intervengono in un altro territorio per uccidere la gente. E se anche non vi fosse una collusione diretta, certamente c’è in forma indiretta, perché, come confermato da Antoine Comte: mai, nemmeno una volta, v’è una sentenza che termina con un verdetto di condanna degli assassini, e questo è più che sospetto. Organizzano commissioni di udienza, ma è più per dimostrare che stanno facendo qualcosa. Ovviamente, per l’omicidio di due ex ministri iraniani, il processo si è concluso cpn un verdetto, perché coinvolse poteri che non erano davvero in un buon rapporto con la Francia. Ma quando il paese in questione è uno stato amico, è scandaloso che l’indagine non abbia mai fine con un verdetto. E per le tre donne curde, questo è uno scandalo, in quanto la partecipazione della Turchia è dimostrato”.

Una questione di volontà politica

Nils Andersson: “Nessun altro paese in Europa ha più omicidi politici della Francia … Nel caso delle tre donne curde, l’indagine va nella direzione di capire chi abbia ordinato le uccisioni, grazie alle intercettazioni pubblicate, puntando direttamente verso il servizio segreto turco, il MIT”.

Antoine Comte, avvocato dei parenti delle tre donne curde uccise:

“È una questione di volontà politica. Da parte nostra c’è una denuncia con l’accusa nei confronti di chi ha ordinato le uccisioni. La questione è se il pubblico ministero sarà pronto ad aprire di nuovo un caso. Noi abbiamo aggiunto nuovi elementi nell’archivio, permettendo l’identificazione di alcuni di coloro che hanno dato l’ordine. Lo stesso Erdogan ha riconosciuto che l’ordine degli omicidi è venuto dal MIT turco, ma ora il pubblico ministero deve avere il coraggio di fare questa domanda. Oppure accadrà come in passato, senza dichiarare questi crimini commessi sul suolo francese.

La Turchia manda i suoi squadroni della morte

Antoine Comte: “A proposito dell’archivio dei file delle tre donne curde uccise: o il procuratore antiterrorismo apre un’indagine, o esporremo ciò che accade pubblicamente in altri paesi europei dove gli squadroni della morte sono a briglie sciolte per uccidere i dissidenti turchi o curdi. Ci sono casi in Germania e in Belgio, e tutti questi casi hanno legami con la Francia. Quindi, se ci viene richiesto di dichiarare ciò pubblicamente, tutti potranno vedere la codardia del governo francese quando si tratta di gruppi o squadroni della morte che vengono a uccidere i membri dell’opposizione in Europa”.

Il Sabato 6 gennaio alle ore 11 a.m una manifestazione a Parigi, Gare du Nord, si terrà per chiedere verità e giustizia in relazione all’omicidio di Sakine Cansız, Dogan Fidan (Rojbin) e Leyla Saylemez.

Elenco degli omicidi irrisolti in Francia:

21/05/1959: Amokrane Ould Aoudia, algerino, avvocato di un comitato di difesa degli attivisti del FLN algerino (Fronte di Liberazione Nazionale)

29/10/1965: Mehdi Ben Barka, marocchino, fondatore dell’Unione nazionale delle forze popolari dell’UNFP, responsabile della preparazione del Tricontinentale a L’Avana

12/12/1972: Mahmoud Al Hamchari, palestinese, rappresentante in Francia dell’Organizzazione per la liberazione della Palestina, OLP

4/5/1973: Basil Al Kubeisi, iracheno, membro del Comitato centrale del Fronte popolare per la liberazione della Palestina, PFLP

28/06/1973: Mohammad Boudia, algerino, attivista nel FLN algerino, poi nel PFLP palestinese

5/4/1978: Henri Curiel, egiziano, internazionalista

21/09/1980: Salah Bitar, siriano, avversario del regime siriano

29/03/1988: Dulcie Settembre, sudafricano, rappresentante in Francia per l’ANC, African National Congress

04/04/1989: André Mecili, algerino, leader del Front de Fuerzas Socialistas FFS

06/08/1992: Atef Bsissou, palestinese, membro del Consiglio rivoluzionario di Fatah, OLP

11/07/1995: Abdelbaki Sahraoui, algerino, co-fondatore del Front Islamique du Salut FIS, a favore di un dialogo tra le parti in conflitto

26/10/1996: Kandiah Perinpanathan e Kandiah Kesenthiran, responsabili in Europa delle Tigri tamil per la liberazione dell’Eelam Tamoul

08/11/2012: Nadaraja Mathinthiran, responsabile in Francia delle Tigri Tamil per la liberazione di Eelam Tamoul

01/9/2013: Sakine Cansiz, Fidan Dogan, Leyla Saylemez, rispettivamente fondatrice del PKK (Partito dei lavoratori del Kurdistan), rappresentante in Francia del Kurdistan National Congress e attivista curda.

Più di 20 attivisti ETA sono stati uccisi in Francia, senza alcuna indagine giudiziaria.

Questo elenco non esaustivo fa riferimento a omicidi politici a cui partecipano Stati esteri, con la collusione o il rischio di coinvolgimento diretto o indiretto, attivo o passivo dello Stato francese.

© 2013 UIKI-Onlus Team

Scroll to top