Continuano i rapimenti, le torture e gli omicidi ad Afrin Reviewed by Momizat on . Il popolo di Afrin sta soffrendo omicidi, rapimenti e torture ad opera dell'esercito di occupazione turco e delle sue bande di mercenari insieme al continuo cam Il popolo di Afrin sta soffrendo omicidi, rapimenti e torture ad opera dell'esercito di occupazione turco e delle sue bande di mercenari insieme al continuo cam Rating: 0
You Are Here: Home » EFRIN » Continuano i rapimenti, le torture e gli omicidi ad Afrin

Continuano i rapimenti, le torture e gli omicidi ad Afrin

Continuano i rapimenti, le torture e gli omicidi ad Afrin

Il popolo di Afrin sta soffrendo omicidi, rapimenti e torture ad opera dell’esercito di occupazione turco e delle sue bande di mercenari insieme al continuo cambiamento demografico.

L’esercito turco di occupazione e le sue bande continuano le violazioni quotidiane nel distretto di Afrin con rapimenti di civili, che vengono portati verso destinazioni sconosciute, mancano le informazioni nei loro confronti, i mercenari intensificano i rapimenti e chiedono soldi per il loro rilascio.

Secondo una fonte del distretto di Sherawa, i mercenari hanno rapito diversi uomini e giovani del villaggio di Basota, tra cui il cittadino Battal Zaki Hamsho, che è stato rapito da bande e portato in una destinazione sconosciuta dove è stato torturato e derubato per essere rilasciato in seguito.

Il cittadino Adel Hassan Khaled è stato torturato 20 giorni dopo essere stato rapito dalle bande di mercenari di Liwa al-Fatah, Khalil Khalil, 28 anni, è stato rapito, portato in una destinazione sconosciuta e non si conosce il suo destino.

Le fonti hanno confermato che il cittadino Mohammed Mohammed, 35 anni, è stato rapito cinque giorni fa e non si conosce il suo destino. Mentre Khalil Kassem, Abdo ‘Arbush e Khalil Nur Restom (30) sono ancora detenuti dalle bande e si hanno notizie di torture.

Un’altra fonte ha detto che le bande dell’esercito turco di occupazione hanno rapito e torturato il giovane Mohammed Abdul Rahman Yusuf nel villaggio di Qoran, appartenente all’area di Janders, senza conoscerne le ragioni.

I rapimenti e le torture non sono limitati a uomini e giovani. Le bande dell’esercito turco di occupazione hanno portato a termine il rapimento del cittadino Bushra Yousef Sheikho dal centro di Afrin tre giorni fa e il suo destino rimane sconosciuto.

Nello stesso contesto, delle persone hanno trovato il cadavere di Hanan Na’san ucciso nel quartiere al-Sinah di Afrin, dopo essere stato rapito dalle bande per la seconda volta.

Hanan Na’san, che lavorava nell’istituzione dell’Amministrazione Autonoma Democratica nel dipartimento dei servizi, è stato prima rapito dalle gang e rilasciato in seguito. Tuttavia bande di mercenari sono tornate e lo hanno rapito di nuovo pochi giorni fa. Il suo destino è sconosciuto fino a quando i residenti non hanno trovato il suo corpo dove è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco nel quartiere di al-Sinah, il suo corpo mostra segni di tortura.

Vale la pena ricordare che tutte queste violazioni inumane commesse contro il popolo di Afrin restano sotto il silenzio internazionale e regionale, oltre alla politica di cambiamento demografico ad Afrin, con il reinsediamento delle persone delle campagne di Damasco nelle stesse aree.

Tutto questo sta avvenendo con la prova delle parole di uno dei comandanti dell’Esercito dell’Islam attraverso registrazioni audio ottenute dall’agenzia ANHA da una fonte affidabile. Il comandante ha detto che la sua destinazione è Afrin e non Jrablos, come sostenuto da alcuni siti web dei media vicini alla Turchia.

La fonte ha sottolineato che alcune famiglie si sono rifiutate di entrare nelle case della gente e che l’esercito di occupazione turco li ha ospitati nel campo che è stato allestito nel villaggio di Mohammedia nella zona di Janders.

I sostenitori dell’accordo sulla deportazione hanno minacciato che i mercenari dell’Esercito dell’Islam li uccideranno se si dovessero rifiutare di dirigersi verso Afrin.

Nello stesso contesto, una fonte attendibile di Sherawa ha detto che le bande di mercenari hanno aumentato il numero dei loro mercenari nei villaggi di Sherawa e che ci sono 30 famiglie di mercenari nei villaggi di Burj Suleiman, Burj Haider e Faferteen.

Ci sono state delle scaramucce tra i mercenari appena arrivati e gli ex mercenari dei villaggi riguardo alle persone originarie, che hanno chiesto di eliminarli dai loro villaggi.

Questi spostamenti e insediamenti rientrano negli accordi russo-turchi che mirano a modificare i la demografia della Siria.

© 2013 UIKI-Onlus Team

Scroll to top