Conferenza del Parlamento Europeo chiede la fine dell’occupazione turca di Efrîn Reviewed by Momizat on . Oggi al Parlamento Europeo si è svolta una conferenza sulle aspirazioni di occupazione dello Stato turco nel Medio Oriente e le visioni curde per una soluzione Oggi al Parlamento Europeo si è svolta una conferenza sulle aspirazioni di occupazione dello Stato turco nel Medio Oriente e le visioni curde per una soluzione Rating: 0
You Are Here: Home » EFRIN » Conferenza del Parlamento Europeo chiede la fine dell’occupazione turca di Efrîn

Conferenza del Parlamento Europeo chiede la fine dell’occupazione turca di Efrîn

Conferenza del Parlamento Europeo chiede la fine dell’occupazione turca di Efrîn

Oggi al Parlamento Europeo si è svolta una conferenza sulle aspirazioni di occupazione dello Stato turco nel Medio Oriente e le visioni curde per una soluzione democratica.

Presso il Parlamento Europeo oggi si è svolta una conferenza della “EU Turkey Civic Commission” (EUTCC) con il sostegno del Congresso Nazionale del Kurdistan (KNK), dell’Istituto Curdo di Bruxelles e della rete di accademiche e accademici curdi (KURD-AKAD). Nella conferenza si è discusso dell’occupazione turca del cantone di Efrîn nel nord della Siria e delle ulteriori mire di occupazione della Turchia in Medio Oriente nonché delle prospettive di soluzione curde.

La dichiarazione finale della conferenza con raccomandazioni e richieste è la seguente:
“Noi consideriamo l’occupazione di Efrîn, che infrante gli obiettivi e i principi delle Nazioni Unite e del diritto internazionale. Condanniamo tutte le pratiche delle truppe di occupazione turche e chiediamo:
1- l’immediata fine dell’occupazione e il ritiro incondizionato delle truppe turche e dei suoi gruppi dai territori occupati in Siria.
2- indagini e condanne per le violazioni della legge che sono state commesse contro la popolazione civile dall’esercito turco e dai gruppi collegati a Efrîn e che hanno portato all’espulsione di massa e a una crisi umanitaria.
3- l’incondizionata liberazione di tutte le donne e di tutti i bambini e uomini rapiti e che vengano messi a disposizione adeguati risarcimenti per le vittime.
4- un’indagine sul destino delle persone scomparse.
5- la creazione di una commissione per i diritti, indipendente, neutrale e trasparente, con la partecipazione di rappresentanti della Federazione Siriana per i Diritti Umani e di organizzazioni della Siria per i diritti umani e i diritti delle donne per indagare su tutti i crimini dall’inizio dell’occupazione turca il 20 gennaio 2018, perché i responsabili vegano chiamati a risponderne davanti a tribunali locali, regionali e internazionali.
6- la collaborazione con le organizzazioni siriane per i diritti umani e della società civile nelle indagini e nella documentazione dei diversi crimini che sono stati commessi dalle truppe di occupazione turche e dai gruppi a loro collegati dall’inizio dell’occupazione turca il 20 gennaio 2018 per mettere sotto accusa i responsabili davanti ai tribunali internazionali.
7- il ritorno in sicurezza della popolazione a Efrîn.
8- i necessari aiuti economici e umanitari da parte delle corrispondenti istituzioni e organizzazioni per i profughi di Efrîn.
9- una documentazione giuridica e scientifica e un’analisi delle pratiche razziste delle truppe di occupazione turche, compresa l’espulsione forzata e la consapevole modifica della struttura demografica della regione.”

© 2013 UIKI-Onlus Team

Scroll to top