You Are Here: Home » ANALISI

La questione della giustizia in questo modo è stata risolta?

La ” Marcia per la Giustizia ” iniziata in Turchia il 15 giugno, avviata dal Presidente del Partito Repubblicano del Popolo (CHP) Kemal Kılıçdaroğlu, è finita 25 giorni dopo con una grande manifestazione conclusiva a. La Marcia per la Giustizia, che ha ricevuto sostegno di diverse aree, potrebbe essere interpretata come una sveglia per l’opposizione in Turchia? Questa Marcia per la Giustizia durata 25 giorn ...

Read more

L’ordinaria banalità degli USA

Una notizie e un immagine: dato che metà della cupola è ancora illesa, è possibile riconoscere che questa rovina è una moschea. Intorno a questa rovina si vedono case che sono ricadute su se stesse. Sotto l’immagine si legge il seguente titolo tragicomico: Si pensa al periodo dopo la vittoria a Mosul. La strada che ha portato alla „vittoria“ è iniziata il 18 dicembre 2010 con l’auto-immolazione del tunisino ...

Read more

Guerra giusta

Uno sguardo esclusivamente geopolitico non fraintende la dinamica della guerra popolare nel nord della Siria – Nell’estate 1917 Lenin è dovuto fuggire dalla Russia perché il regime provvisorio lo accusava di aver organizzato come agente tedesco una rivolta per indebolire il fronte russo. Retroscena dell’accusa di essere un agente era il fatto ch e Lenin con l’aiuto dello stato maggiore tedesco aveva raggiun ...

Read more

Momenti della linea di fuoco…

Armati di volontà di ferro, esperti in armi da combattimento, veloci nel raggiungere il loro grilletto, ogni combattente capisce ciò che fa; anche in pausa, sono ansiosi di imparare qualcosa di nuovo, e il modo in cui sono attenti ai movimenti nemici dice molto sul loro coraggio. E mostra parecchio la loro volontà di ferro. Nel 17° giorno della campagna lanciata il 6 giugno, i combattenti delle forze democr ...

Read more

La crisi sul Golfo: Una sconfitta del Qatar significa una sconfitta della Turchia?

Nell’immaginario dell’opinione pubblica ci sono alcuni preconcetti rispetto al mondo arabo. Da un lato si pensava che Paesi come il Kuwait, il Qatar, l’Arabia Saudita, gli Emirati Arabi Uniti e il Bahrain hanno tutti le stesse radici sociali e religiose e per questo avrebbero anche seguito la stessa politica estera. E dall’altro si pensava che tutti questi Paesi nella loro politica estera si sarebbero atten ...

Read more

I curdi saranno i grandi perdenti in Siria

il Medio Oriente è una regione nella quale possono verificarsi le cose più inimmaginabili. Guardano indietro all’ottobre 2014 torna in mente il periodo in cui un paio di dozzine di combattenti delle Unità di Difesa del Rojava (YPG) combattevano nelle ultime strade libere di Kobanê fino alla morte. Oggi, nel giugno 2017, vediamo le Forze Democratiche della Siria (FDS) con il ruolo guida delle YPG che circond ...

Read more

Per modificare lo status quo ci vuole serietà…

Nihat Kaya sul significato regionale della richiesta di Barzani di un referendum sul distaccamento della Regione Autonoma del Kurdistan dall’Iraq- Mancano pochi giorni alla liberazione definitiva di Mosul da IS. Prossimamente verrà annunciata la liberazione completa di Mosul. Poi seguiranno Tal Afar e Hewice. Al confronto con Mosul questi non sono territori grandi di insediamento. Le operazioni di liberazio ...

Read more

Il vero obiettivo della Turchia sulla strada verso Idlib: i curdi

L’esperto di Siria Fehim Tastekin valuta i retroscena della mobilitazione dell’esercito turco nella Siria del nord e il pericolo di un attacco al cantone di Afrin. La Turchia avrebbe concluso la sua operazione Scudo dell’Eufrate, quindi la sua missione in Siria del nord il 29 marzo. Ma invece di ritirare le proprie truppe, Ankara ha perfino allargato le sue attività militari tra Azaz e Al-Bab. Diventa sempr ...

Read more

La Turchia e la Siria preparano un embargo e un attacco al Rojava

La Turchia ed il regime Baath stanno preparando un attacco congiunto su Shabba ed Afrin. Il regime Baath ha messo in atto un embargo chiudendo la strada di Aleppo, mentre lo stato turco ha iniziato a spedire armi pesanti come carri armati, artiglieria, obici e unità di artiglieria nella regione. Il piano della Turchia è fallito a Raqqa e adesso stanno preparando un attacco congiunto con il regime siriano su ...

Read more

Il nodo Deir ez-Zor – Cosa sta succedendo in Siria?

Mentre procede l’operazione su Raqqa, si susseguono vorticosamente gli eventi nei territori di confine della Siria in guerra civile. Questo vale per il nord del Rojava così come per l’area di confine meridionale e quella orientale con la Regione Autonoma del Kurdistan e l’Iraq. Il mondo attualmente osserva con attenzione come le Forze Democratiche della Siria (FDS) con il sostegno della coalizione internazi ...

Read more

Perché Erdoğan è così costernato per la crisi del Qatar?

Mentre le operazioni per la liberazione di Raqqa e Mosul si avvicinano alla conclusione, assistiamo a nuovi sviluppi come la crisi del Qatar. Le bande sostenute fino all’ultimo da Turchia, Arabia Saudita e Qatar hanno subito grosse sconfitte da parte delle forze delle HPG, YPG, YPJ e FSD e sono state battute. Se Al-Qaeda, il Fronte Al-Nusra, IS, Ahrar al-Sham, l’ELS e le Brigate Selahaddin in Iraq e in Siri ...

Read more

Costellazioni e possibilità per il periodo dopo l’operazione Raqqa

Dalla battaglia per Kobanê, ossia dal dicembre 2014, IS (Stato Islamico) in tutte le operazioni militari guidate dalle curde e dai curdi perde terreno e forza. IS in precedenza aveva fatto bottino di armi pesanti dalle fila dell’esercito irakeno e anche del regime siriano e così dal settembre 2014 conduceva una guerra simmetrica. Verso metà dicembre dello stesso anno, IS conquistò la maggior parte della cit ...

Read more

La questione araba in Medio Oriente

Una valutazione di Abdullah Öcalan sulla causa storica degli attuali problemi arabi e le possibili prospettive di soluzione. Per capire perché sono stati fondati ventidue Stati Nazione arabi, in primo luogo è necessario comprendere correttamente la costruzione egemonica della modernità capitalista in Medio Oriente. Con concezioni storiche che con rappresentazioni come quella della „gloriosa fondazione dello ...

Read more

Nel referendum si voterà sull’indipendenza o sul potere?

In un momento in cui nel Kurdistan del sud non ci credeva più quasi nessuno che si arriverà a una consultazione popolare, il Presidente del KDP Mesut Barzani via Twitter ha reso noto che a settembre si svolgerà il referendum sull’indipendenza. Questo annuncio è stato fatto dopo la riunione convocata da Barzani a Hewlêr. Barzani dal 2005 ricopre l’incarico di Presidente della Regione del Kurdistan, anche se ...

Read more

LTI contro gli arresti degli avvocati in Turchia

Liberare subito l’Avv. Taner Kilic Desta grandissimo allarme la notizia dell’arresto di 23 colleghi in Turchia, accusati di far parte dell’organizzazione di Fetullah Gulem: accusa ormai adoperata dal governo turco per colpire e sbarazzarsi di ogni tipo di oppositori, o anche solo liberi pensatori non allineati con la politica del presidente Erdogan. Nei casi di questi arresti di massa l’accusa non si preocc ...

Read more

Cosa è Hashd al-Shaabî?

Le Hashd al-Shaabî sono state fondate nel 2014 contro la minaccia di ISIS a seguito di un appello del leader sciita Sistani, con sostegno militare dall’Iran e uno status legale in Iraq. Con le recenti operazioni il loro nome è tornato all’ordine del giorno. Le Unità di Mobilitazione Popolare Hashd al-Shaabî recentemente con l’operazione Shengal sono di nuovo tornate a essere argomento del giorno. Con le lor ...

Read more

Un viaggio con la Turchia nelle profondità della diplomazia

La Camera dei Rappresentanti USA è diventata sede del Sottocomitato per gli Affari Esteri per l‘Europa, l’Eurasia e le Minacce Incombenti1. La seduta è stata organizzata dalla componente della Camera dei Rappresentanti USA nota per la sua vicinanza a Trump, Dana Tyrone Rohrabacher per discutere dell’eccesso di violenza delle guardie del corpo di Erdoğan durante il suo viaggio negli USA. A questa discussione ...

Read more

La Turchia – da “zero problemi” a “zero amici”

A qualcuno potrà sembrare esagerato che la politica curda faccia continuamente riferimento alla Turchia. Ma è giustificato. Perché ovunque si tratti politicamente del Kurdistan, preso si incontrerà la mano della Turchia. Questo vale nel caso della Siria, dell’Iraq o dell’Iran e naturalmente anche quando si tratta dei curdi in Turchia. La politica ostile ai curdi del governo turco per i curdi diventa visibil ...

Read more

Demolizione a Şırnak e Sur: Appalti dati a società dell’ AKP

La eputata di HDP di Şırnak Aycan İrmez ha valutato la demolizione in corso nel centro della città di Şırnak e a Sur, “L’AKP ha dato gli appalti ai suoi membri e ai suoi sostenitori. Tutte le società, che hanno cominciato la demolizione sono vicine all’AKP. Ciò conferma la loro mentalità di ladri e di corrotti” afferma Aycan. Il coprifuoco, dichiarato dal governatorato nel centro della città di Şırnak il 14 ...

Read more

Il nodo Raqqa: Non si tratta di armi, ma di legittimità

Il governo USA ha aspettato più tempo possibile e la Turchia ha cercato di rinviare il più possibile l’operazione su Raqqa. Ma quanto atteso si è verificato. Il governo intorno a Trump ora ha deciso forniture dirette di armi alle YPG. Il peso del Pentagono del Consiglio di Sicurezza Nazionale all’interno del governo Trump con questa decisione si è affermato ancora una volta immediatamente prima dell’incontr ...

Read more

© 2013 UIKI-Onlus Team

Scroll to top