Catastrofe ecologica: La natura Parla Reviewed by Momizat on . Un essere umano darebbe fuoco alla propria casa? Sì, lo farebbe! Un essere umano potrebbe tagliare il ramo dell’albero su cui si siede? Sì, certamente. L'umanit Un essere umano darebbe fuoco alla propria casa? Sì, lo farebbe! Un essere umano potrebbe tagliare il ramo dell’albero su cui si siede? Sì, certamente. L'umanit Rating: 0
You Are Here: Home » ACADEMIA » Catastrofe ecologica: La natura Parla

Catastrofe ecologica: La natura Parla

Catastrofe ecologica: La natura Parla

Un essere umano darebbe fuoco alla propria casa? Sì, lo farebbe! Un essere umano potrebbe tagliare il ramo dell’albero su cui si siede? Sì, certamente. L’umanità, come spesso ripetuto nel romanzo di Yasar Kemal “Ince Memed”, tira un coltello sul tavolo su cui mangia? Oh, sì! Un essere umano crescerebbe per chiamare il grembo materno che l’ha generato “selvaggio”? Decisamente! Fino a quando quel fuoco non arriva a circondarli, finché quel ramo cade sulla loro testa, finché quel coltello non tocca il loro osso, finché quel nido non si chiude completamente su di loro in modo che rimangano senza fiato, gli esseri umani lo avrebbero fatto e, purtroppo, continuano ancora a fare tutte le cose di cui sopra. Certo non all’improvviso, ma da quando sono diventati vittime di mentalità e sistemi fatti dagli umani. Ora, possiamo chiamarlo il “problema dell’ecologia” o possiamo chiamarlo la natura che ci insegna una lezione, in ogni caso paghiamo il prezzo del nostro tradimento contro la natura.

Ogni fenomeno il cui valore non è apprezzato ci fa pagare un prezzo. Più grande è il valore di cui non riconosciamo il valore, più grande è il prezzo che paghiamo per il tradimento. Se è la nostra natura di cui non apprezziamo il valore, la natura in cui nasciamo, questo prezzo si trasformerà in riscaldamento globale e ci brucerà, diventerà un incendio boschivo e ci arrostirà, diventerà un’alluvione e ci sommergerà, si trasformerà in ghiaccio e ci congelerà, diventerà contaminazione e ci avvelenerà. E per ogni giorno in cui ignoriamo le chiamate della natura per risolvere il problema, la morte ci colpirà ancora più duramente. Ma è sempre stato così, che non abbiamo riconosciuto l’importanza della natura? È così che ci siamo sviluppati? Come potremmo diventare nemici e assassini degli oceani, delle foreste, delle terre e dell’aria che ci hanno fatto nascere? E come potrebbe la stessa natura, che è il nostro nido di nascita, trasformarsi in fuoco che piove su di noi, in piena, e in veleno che cade su di noi? La vita è ancora nelle mani della natura, proprio come la morte. Ma quando e perché la natura ha iniziato a provare ai propri figli, che uccidono la vita, la sua capacità di uccidere? La natura ha una mente che prende in giro la nostra mente che si considera come la suprema tra le “più alte creazioni di Dio”? La nostra anima crea disastri quando viene ferita ed è una parte che viene da questa natura – quindi forse, quando feriamo l’anima di questa natura, crea vendetta distruggendo! Ma perché? E come? Si tratta di domande a cui nessun umano che vive in questo mondo può sfuggire da tempo. Comprendere dove, quando e come questo danno e il conseguente processo di doverne pagare il prezzo, sono iniziati, deve essere la responsabilità di ogni umano che vuole vivere in libertà. Quindi, per capire il problema, iniziamo dalle radici. Diamo un’occhiata a quale tipo di mentalità era la mentalità che abbiamo perso e in che modo si relazionava con la natura:

“La mentalità della società naturale si basa su una comprensione animata della natura. Crede che ogni fenomeno in natura abbia uno spirito. Gli spiriti sono intesi come caratteristiche che assicurano la vitalità. Nelle religioni totemiche il concetto di una divinità esterna e dominante separata dal sé non è ancora sviluppato. Grande sforzo è fatto per essere in armonia con gli spiriti della natura. Non farlo è simile alla morte. Quando questa è la prospettiva fondamentale sulla natura, emerge un bisogno straordinario di armonia. Secondo il principio fondamentale dell’ecologia, siamo faccia a faccia con la vita. Lo sforzo è fatto per evitare che la vita sociale vada contro le forze naturali. Quando si costruiscono religioni ed etica, il principio fondamentale è l’armonia con l’ambiente e le forze naturali. Questo principio è così profondamente radicato nella mentalità da essere considerato una tradizione religiosa e morale. In realtà, questo è il principio del flusso naturale della vita che si manifesta nella società umana. Non c’è essere che non consideri il suo ambiente. Le deviazioni a breve termine sono superate in un flusso all’interno di condizioni esterne ed interne; altrimenti, essendo completamente esclusi dal sistema, cessano la loro esistenza. L’importanza del principio di ecologia per la società umana deriva da questa caratteristica fondamentale della natura.

Nella società naturale, tutti i membri della socialità partecipano organicamente all’intera vita. Ognuno è una parte genuina ed essenziale della società. Credo e percezioni sono comuni. I concetti di mentire e imbrogliare non si sono ancora sviluppati. È come se parlassero lo stesso linguaggio infantile con la natura. Dominare la natura, abusarne è il più grande peccato, tabù e malvagità contro la loro etica e le loro convinzioni, le loro nuove regole sociali. Ciò che è stato capovolto nella società statalista che tiene schiavi gli esseri umani è questo principio fondamentale religioso ed etico”.

Tuttavia, l’umanità ha progressivamente perso il contatto con questa comprensione etica:

L’ascesa della società statalista che rende schiavi costituisce una rottura fondamentale con questo principio vitale. Lo sviluppo della questione ambientale ed ecologica insieme a questa particolare direzione che la società ha intrapreso è quindi fondamentalmente legato all’inizio della civiltà. La civiltà della società classificata è una società in conflitto con la natura. La ragione principale di questa questione fenomenale ha a che fare con il paradigma della mentalità schiavista controrivoluzionaria di questa nuova società “(1)

In effetti, la rottura dalla società naturale e il passaggio al paradigma della mentalità schiavista hanno avuto un prezzo pesante. Una volta allentati e rimossi i legami del mondo, i legami tra la natura e la vita sociale si sono trasformati da una relazione armonica, mutuamente tonificante, a una relazione soggetto-oggetto. L’immagine di una madre-donna, che nutre un bambino con un seno e un cucciolo di animale con l’altro seno è diventata ridicola, persino immaginaria ai nostri occhi oggi. Nella tradizione dell’illuminismo occidentale, abbiamo iniziato a dire: “Non c’è differenza tra le grida di un animale o la tritatura della macchina quando si sperimenta”. La stessa mentalità raggiunse dimensioni orribili nelle mani della chiesa nelle torture delle streghe, le donne sagge. Anche loro divennero oggetti di scienza senza limiti. “Il modo più realistico di cercare le radici della crescente crisi ecologica, che si sviluppa parallelamente alla crisi del sistema sociale, è considerare l’inizio della civiltà. Maggiore l’alienazione all’interno della società che avviene a causa del dominio all’interno della società, maggiore l’alienazione si realizza dalla natura.”(2) L’umano è diventato crudele nei confronti della natura opprimendo la propria specie:

“In particolare il metodo scientifico sviluppato da Francis Bacon costituiva un tentativo di imporre un ordine che avrebbe avuto un effetto razionalistico e scientifico sulla natura. Simile alla determinazione del movimento dei pianeti, questo metodo scientifico richiedeva l’estrazione della natura dal suo spirito per attuare processi metodologici razionalistici. Carolyn Merchant, nel suo libro “La morte della natura: donne, ecologia e rivoluzione scientifica” afferma che fu in questa epoca in cui la natura fu identificata con la donna e che insieme a Machiavelli, scienziati come Bacon iniziarono ad esprimere il loro desiderio di opprimere ‘l’irrazionale ‘(simile alla donna) la natura. In effetti, Bacon ha usato l’analogia dell’interrogatorio delle streghe per argomentare la metodologia scientifica dell’estrazione della “verità” dalla natura. Scrisse: “Per osservare le avventure della natura, non c’è altro modo che circoscriverla in un angolo. Questo è l’unico modo per dominarla. Secondo Merchant, “la natura è vista come una donna che prende ordini dall’uomo e opera sotto la sua autorità” (3).

Il risultato di questa lotta nel nome della conquista dell’irrazionalità sotto la bandiera della ragione fu a sua volta completa irrazionalità. È fuori discussione che nel nome di “ottenere la verità”, la verità stessa è stata tradita. Dopo che la nostra mentalità si è staccata dalla mentalità della società naturale, il nome del sistema sociale è cambiato, ma la sua mentalità no. È una mentalità che rompe dalla società naturale, tradisce se stessa e la natura, e ogni giorno taglia il ramo di albero su cui siede. Non importa se chiamiamo questa formazione mentale dominante, statalista, schiavista, feudale o capitalista. Tutti questi insieme costituiscono una rottura dalla società naturale e dalla natura. Costituiscono il polo opposto alla società naturale, in altre parole, sono anti-natura. Sono anti-vita, antiumani. Quindi sono anti-ecologici. Se la socialità e la natura sono riuscite a vivere insieme per migliaia di anni in armonia, significa che l’essere umano, in effetti l’essere umano della società naturale, ha dimostrato questa realtà: l’umano non è l’opposto della stessa natura da cui proviene, al contrario, è il figlio stesso della natura. E così, possono vivere insieme senza sradicarsi l’un l’altro. Quindi, contrariamente alla lunga imposizione della mentalità occidentale, né la natura è selvaggia, né l’umano ha bisogno di sopravvivere combattendo e conquistando questa “barbarie”. Questa è una menzogna filosofica che cerca di infrangere la verità in dicotomie soggetto-oggetto, incita al conflitto e mira a perpetuare il sistema egemonico come eterno. È la storia di una lotta cosciente da parte di sistemi egemonici per alienare gli umani e la natura gli uni dagli altri. Questa storia di alienazione ha raggiunto una struttura irreversibile sotto il capitalismo. Tutti furono trasformati in soggetto di questo massacro sulla natura in nome del coraggio, in nome del raggiungimento della vittoria nella guerra contro il “selvaggio”. Ora è il turno dell’”oggetto” di questa storia di parlare. Ora sta parlando. E ogni giorno ci dà il messaggio che dobbiamo prendere sul serio. Che lo vediamo o no, ora la parola appartiene alla natura. Questa parola dice che non vuole più essere l’oggetto di questa storia:

Se diamo un’occhiata alle ricerche su Internet relative a migliaia di notizie recenti su “ambiente” o “ecologia”, tenendo presente che tali ricerche possono solo scalfire la superficie della reale portata del disastro ecologico della nostra terra, è facile ascoltare questa protesta. Dighe e altre infrastrutture che sommergono bellezze naturali, centrali nucleari, fonti di energia da combustibili fossili, incendi boschivi a causa di guerre o cambiamenti climatici, contaminazione del petrolio di acqua e suolo, scarichi di rifiuti chimici, deforestazione, intossicazione del suolo, acqua e aria a causa della cianurazione dell’oro, la crisi alimentare globale e lo sviluppo di OGM, lo smaltimento pericoloso di farmaci, la mancanza di accesso all’acqua potabile, i gas serra legati all’agricoltura industriale, l’estinzione di specie, territori minati, terremoti, vulcani attivati, tsunami, l’emergere di malattie, la scomparsa di ambienti naturali a favore di città e fabbriche, piogge acide … e forse molti altri fenomeni di cui magari non siamo nemmeno a conoscenza e che hanno causato disastri ecologici originati dagli esseri umanni. Estendere questo elenco non solo ci deprime, ma le molteplici dimensioni del problema sono anche indicative del misterioso potere di autodifesa della natura.

La natura ha un carattere evolutivo che è stato in azione per milioni di anni. Non si tratta del più in forma che stermina il meno in forma. Forse è vero che chi è meno in forma diminuisce nelle cifre. Tuttavia, gli organismi più piccoli per i grandi ecosistemi in natura si organizzano, si adattano e si modificano in base alle mutevoli condizioni. In altre parole, la natura resiste. Crea i propri meccanismi per difendersi. Oppure i problemi causati dall’uomo sconvolgono l’equilibrio della natura e sfociano in catastrofi che portano grandi cambiamenti. Mentre gli esseri umani cercavano di conquistare e dominare la natura e di impegnarsi in una competizione per mostrare alla natura chi è il maestro, hanno dimenticato un fenomeno abbastanza semplice. La natura era la loro casa, il loro nido di nascita, era l’atmosfera di vita a cui gli umani devono il loro pane, l’acqua, la loro stessa esistenza e felicità. “La ragione fondamentale dei problemi ecologici è il potere dominante che rende possibile una vita antinaturale attraverso la sua tirannia e le sue bugie. Negando il ruolo della natura nella vita e sostituendolo con divinità e creatori falsi, è possibile chiamare la natura “forza cieca””. (4) Ma gli occhi e il cuore che erano così concentrati sulle ambizioni di profitto rimasero ignari di questa nuda realtà. Mentre si riteneva che la natura fosse resa muta dopo tutti questi attacchi, quello che era costretto in ginocchio era l’umano alla fine. In un certo senso, la natura è riuscita ad esprimersi in molti modi, mentre era l’uomo a inghiottire la lingua. Per vedere i modi in cui paghiamo il prezzo per aver distrutto il diritto alla vita della stessa natura a cui dobbiamo la vita, diamo una breve occhiata alle notizie sul disastro naturale nel momento in cui questo articolo è stato scritto per la prima volta (2009) -2010):

Gli esperti sostengono che l’alluvione in Pakistan e il caldo estremo in Russia sono legati agli straordinari impatti del riscaldamento globale. A causa di inondazioni e smottamenti, oltre 700 persone in Cina, oltre 1.600 persone in Pakistan, oltre 130 persone in India sono state uccise. Migliaia di persone sono scomparse. Milioni di persone hanno perso le loro case. Nello smog e nella polvere che copre Mosca e che ha provocato la siccità, è stato scoperto materiale tossico. Negli incendi che hanno avuto inizio in più di 600 diverse aree, sono state uccise 50 persone in Russia. Gli incendi hanno iniziato a colpire le aree militari in modo che i materiali esplosivi in queste regioni fossero trasportati in altre aree dalle autorità. In Cile sono stati distrutti un milione e mezzo di case, il numero delle persone scomparse è salito a 300. Il presidente del Cile, Bachelet, ha affermato di non riuscire a trovare le parole per descrivere il terremoto di magnitudo 8.8 e la catastrofe causata. In un paese con una popolazione di 16 milioni di persone, almeno 2 milioni sono stati colpiti dal terremoto. Continuano i tentativi di salvataggio nel nord dell’Italia, dove un terremoto ha causato la morte di 250 persone. Nel terremoto, 15 mila edifici sono stati resi inutilizzabili. È stato riferito che gli incendi boschivi che sono proseguiti nel sud dell’Australia per giorni sono stati causati da incendi dolosi. Gli incendi continuano ancora in 20 luoghi diversi. Il numero di morti potrebbe aumentare fino a 230. Il riscaldamento globale sta sciogliendo i ghiacciai del Monte Kilimanjaro, che è considerato patrimonio mondiale. Gli incendi boschivi in Grecia non possono essere messi sotto controllo. L’incendio che è iniziato vicino ad Atene si sta avvicinando al centro della città. A causa dell’incendio crescente, rafforzato dal vento, è stato dichiarato lo stato di emergenza.

Le cose sono solo peggiorate da allora. Di recente, un rapporto scientifico del WWF ha rivelato che il 60% delle popolazioni animali è stato spazzato via dall’umanità dal 1970 con effetti disastrosi sulla natura e sui suoi figli umani. Sembra che la catastrofe ecologica sia cresciuta a tal punto che ci vorrebbero fino a 7 milioni di anni perché la natura si possa riprendere, anche se la distruzione si arrestasse ora. Si prevede che tutte le specie si estingueranno, si prevedono innumerevoli uragani, siccità, inondazioni, incendi boschivi e scioglimento dei ghiacciai. Gli esperti parlano di un “genocidio climatico”. Gli esseri umani più colpiti da questi sviluppi si trovano nel Sud del mondo, in particolare nelle comunità indigene e rurali, il cui rapporto con la natura è simbiotico e organico. La crisi ecologica è anche causata dal commercio globale di armi e allo stesso modo le guerre sono spesso innescate da cambiamenti climatici, a causa di interessi capitalistici insostenibili nelle risorse naturali. Eppure, stati e società, i principali responsabili della catastrofe ecologica si ritirano consapevolmente dalle responsabilità legali e internazionali e ricorrono a mezzi per negare l’ovvia, disastrosa morte della vita. Come per evocare la fine del mondo, annunciano ulteriori distruzioni degli habitat naturali e lo sfruttamento della vita. E ci sono altre notizie su disastri ecologici sempre più piccoli e catastrofi che non sono qui incluse.

E’ possibile che gli umani chiamino le catastrofi fatte dall’uomo “un disastro naturale”, al fine di coprire la loro stessa colpa? O forse, chiamando questi disastri “il piano di Dio”, cercano di trovare un partner divino nel crimine? In realtà, nessun disastro è in grado di crescere così tanto e rivendicare così tante vite, senza l’impatto degli umani. In effetti, l’industria, la tecnologia, le guerre, le armi (chimiche, biologiche o qualsiasi altro tipo di armi) prodotte dall’uomo, la sovrappopolazione e molti altri sviluppi o invenzioni bruciano la natura e la natura brucia. La maggiore distruzione che avviene attraverso la mano umana, la maggiore distruzione torna indietro. Il maggiore massacro che avviene attraverso gli esseri umani, porta morte all’umanità.

Queste non sono né espressioni di un punto di vista pessimista, né riflettono la propaganda di un eroe della fantascienza che sta cercando un pezzo di terra per iniziare una nuova vita sociale con i semi nelle proprie mani dopo che tutte le terre sono state sradicate. Forse queste catastrofi potrebbero non avere ancora avuto un impatto su tutti noi individualmente. Forse non abbiamo ancora visto centinaia di persone morire di colpo davanti ai nostri occhi. Ma tutti quelli che vivono su questo pianeta hanno bisogno di sapere che le catastrofi fatte dall’uomo sono così vicine a noi come il nostro respiro, l’acqua e il pane, proprio come il sangue che scorre nelle nostre vene. Come sempre, siamo sotto l’assedio della natura. Ma questa natura non è più la natura naturale di migliaia di anni fa. Questa natura è una natura la cui natura è stata manipolata. Ecco perché il suo assedio è diverso dal suo nido materno. Siamo nell’assedio di una natura che è stata ferita, divisa, contaminata, avvelenata, ferita e fatta sanguinare. Certo, nei casi in cui la natura sembrava indifesa contro gli umani, ci sono stati momenti in cui ha portato disastri a turno. Ma qual era la differenza? La natura di quella natura non era ancora stata giocata. Attraverso alcune osservazioni, gli esseri umani sono stati in grado di identificare o stimare più o meno la posizione, il tempo, l’entità di tali disastri e agire di conseguenza. Ma al giorno d’oggi non siamo neppure consapevoli di come facciamo esattamente a danneggiare la natura come esseri umani. Chissà quanti test nucleari ci sono? Quanto i nostri mari, le nostre terre sono stati contaminati dal petrolio o da materie tossiche? Non conosciamo esattamente la quantità di gas serra e la contaminazione del carbonio. Chi potrebbe conoscere la biodiversità e gli ecosistemi che sono stati eliminati dalle mani dei soldati che hanno anche bruciato le foreste del Kurdistan? In breve, c’è un attacco incontrollabile sulla natura da parte degli esseri umani. Ecco perché forse la natura reagirà con una sorpresa orribile attraverso una serie di disastri incontrollabili che non possiamo anticipare. Il nostro scopo non è né di demonizzare gli esseri umani, né di difendere la protezione della natura che è separata dall’essere umano e dalla società. Discutiamo semplicemente di una realtà reale che è stata progettata dalla mano umana, dalla mente e dall’azione, forse mancando la conoscenza dell’importanza del tempo.

All’inizio di questo testo, abbiamo menzionato lo sviluppo del problema ecologico con l’ascesa del sistema di schiavitù. Ma coloro che si occupano di problemi ecologici sono consapevoli del fatto che il sistema che ha approfondito e portato ulteriormente queste questioni all’insostenibilità è il capitalismo. “L’individualismo europeo è arrivato a incarnare il massacro della società e della sua ecologia. L’affermarsi del dominio del sistema capitalista, il suo passaggio dall’individualità all’individualismo, non solo ha invertito i vantaggi sociali, ma ha anche causato la più grande deviazione ecologica della storia.”(5)

Le questioni ecologiche e le loro fonti sono state discusse attraverso una varietà di filosofie, società, eco-femministe e molte altre prospettive e sono diventate così visibili come un problema serio da anni. Forse il vero problema è quanto si avverte questo problema. Ciò riguarda i reali poteri della società. Perché quando le forze reali che compongono la società iniziano a percepire questo problema, gran parte della soluzione sarà stata raggiunta. Perché “Il vero fenomeno ecologico è impedire che il rapporto tra natura e società diventi una lacuna. Se questa lacuna non viene chiusa al più presto, la società si trasformerà in dinosauri “(6). Quando consideriamo la questione da questa prospettiva, possiamo compiere uno sforzo globale per rilevare il problema e portarlo all’ordine del giorno.

Lo slogan del Forum Sociale Mondiale “Un altro mondo è possibile”, le conferenze ONU sul clima, forum ecologici gratuiti organizzati localmente, movimenti urbani sociali, l’accordo di grandi paesi su questioni come la riduzione dell’intensità del carbonio, le discussioni dei paesi sulla biosicurezza, la creazione di collettivi ecologici, centinaia di migliaia di attivisti in tutto il mondo che rischiano la vita per attirare l’attenzione su questioni ecologiche, le discussioni degli eco-socialisti e delle eco-femministe, l’organizzazione di festival sull’ecologia, l’UNESCO che elabora un elenco sui patrimoni mondiali in via di estinzione, conferenze sull’energia sostenibile , lo slogan “I morti non indossano l’oro” di coloro il cui suolo è stato contaminato e migliaia di azioni, eventi, organizzazioni, lavoro, aumento della consapevolezza e attivismo sono tutti segni di uno sforzo per colmare questo divario tra natura e società. Tuttavia, considerando le dimensioni della catastrofe che stiamo affrontando, queste iniziative rimangono disperse e insufficienti. Diamo un’occhiata alla chiamata fatta da un sito di ecologia: “La crisi ecologica non è una caratteristica corrispondente del capitalismo. È nel DNA del sistema. Non è possibile risolvere attraverso le riforme questa fame incessante, il desiderio di moltiplicare i profitti perennemente. L’unica cosa che i capitalisti possono pensare quando si considera la crisi ecologica è quanto più profitto possono trarne. Pertanto, la lotta contro la crisi ecologica non può avere successo fino a quando il sistema capitalista non sarà rimosso.”

In effetti, la mentalità della soluzione è importante. Per creare una mentalità ecologica comune di fronte al capitalismo, la mentalità civilizzatrice che ha creato la distruzione ecologica significa organizzare e mobilitare tutti questi sforzi e realizzare un intervento più rapido ed efficiente. L’affermazione di Abdullah Öcalan secondo cui “la rivoluzione del 21 ° secolo è ecologica” sottolinea non solo l’estensione della soluzione, ma anche la sua importanza, così come l’idea che la crisi sia effettivamente risolvibile quando le soluzioni vengono implementate. Questa affermazione è anche importante per comprendere ed esporre l’intelligenza degli ambienti di mercato e le loro opinioni sul fatto che la crisi ecologica globale può essere risolta all’interno del capitalismo o attraverso le riforme. Quando guardiamo gli effetti del problema sulle nostre vite, anche se grossolanamente, è chiaro che è necessario un punto di vista e una pratica rivoluzionari. Per vedere questo, il problema deve essere affrontato in modo etico. Perché se il nostro vero standard nel nostro atteggiamento nei confronti della natura è la società naturale, e se la società naturale è la cellula staminale della società etico-politica, la nostra prospettiva sulla risoluzione delle questioni ecologiche deve contenere una dimensione etica: “Non è possibile difendere la razionalità, l’etica di qualsiasi sistema sociale che non si unifica con la natura. La ragione per cui il sistema viene superato in termini di razionalità e moralità è il fatto che è nel più grande conflitto con la natura. La relazione tra il caos vissuto dal sistema sociale capitalista e la catastrofe ambientale è dialettica. Solo l’uscita dal sistema può superare le contraddizioni radicali con la natura. È chiaro che i movimenti ambientali da soli non possono superare questo carattere contraddittorio. D’altra parte, una società ecologica richiede anche una trasformazione morale. Il sistema anti-etico del capitalismo può essere superato solo con un atteggiamento ecologico. La relazione etica-coscienza richiede una spiritualità empatica e solidale. Questo a sua volta può portare significato solo con un’attrezzatura ecologica competente. È l’amicizia con la natura, è la credenza nella religione naturale. In quanto tale, significa riunirsi con la società organica naturale con una coscienza nuova e risvegliata. Una coscienza sociale priva di coscienza ecologica non può fare a meno di dissolversi e corrompere, come si vede nel caso del Real socialismo. La coscienza ecologica è fondamentalmente una coscienza ideologica. È come il ponte tra i confini tra filosofia ed etica. Solo se la politica che mira a salvarci dalla crisi del disprezzo è ecologica, essa può condurci verso un giusto sistema sociale.”(7)

“Non importa quanto piccolo, ci sono resti di società naturale in ognuno.” (8) Forse questo significa guardare il nostro specchio interiore quando si cercano soluzioni. Solo se tutti si rivolgono a questo specchio interiore per esaminare le proprie responsabilità, la coscienza e le azioni, i problemi ecologici e il mistero della natura, l’esistenza straordinaria può essere avvertita. Con questo in mente, non dobbiamo permettere al capitalismo di propagare soluzioni individualiste a quello che richiede un cambiamento del sistema globale.

Risorse
1 – Abdullah Öcalan, 2004, Bir Halkı Savunmak, Devletçi Toplum -Köle Toplumun Oluşumu, p.33
2 – Abdullah Öcalan, 2004, Bir Halkı Savunmak, Toplumsal Ekolojiye Dönüş, p.133
3 – Josephine Donovan, 1985, Teoria femminista: Le tradizioni intellettuali
4 – Abdullah Öcalan, 2004, Bir Halkı Savunmak, Toplumsal Ekolojiye Dönüş, 134
5 – Abdullah Öcalan, 2004, Bir Halkı Savunmak, Toplumda Komünal ve Demokratik Değerlerin Tarihsel Özü, p.95
6 – Demokratik ve Ekolojik Toplum İçin Bir Taslak (Proje) Düşüncesi, p.112
7 – Abdullah Öcalan, 2004, Bir Halkı Savunmak, Toplumsal Ekolojiye Dönüş, p.136
8 – Annotazioni dall’isola prigione di Imralı

di Pelşîn Tolhildan, Komun Akademy

© 2013 UIKI-Onlus Team

Scroll to top