Ayşe Acar Başaran: Il sequestro delle muncipalità influisce sulla politica delle donne Reviewed by Momizat on . La parlamentare Ayşe Acar Başaran, portavoce del Consiglio delle Donne del Partito democratico dei popoli (HDP), ha parlato degli attuali sviluppi politici. Tra La parlamentare Ayşe Acar Başaran, portavoce del Consiglio delle Donne del Partito democratico dei popoli (HDP), ha parlato degli attuali sviluppi politici. Tra Rating: 0
You Are Here: Home » DONNE » Ayşe Acar Başaran: Il sequestro delle muncipalità influisce sulla politica delle donne

Ayşe Acar Başaran: Il sequestro delle muncipalità influisce sulla politica delle donne

Ayşe Acar Başaran: Il sequestro delle muncipalità influisce sulla politica delle donne

La parlamentare Ayşe Acar Başaran, portavoce del Consiglio delle Donne del Partito democratico dei popoli (HDP), ha parlato degli attuali sviluppi politici. Tra le altre cose, ha affrontato la situazione delle donne nella crisi del Coronavirus e il continuo lavoro delle donne nelle municipalità curde nonostante la repressione.

Nella dichiarazione pubblicata sui social media tramite HDP, Ayşe Acar Başaran ha sottolineato che la situazione delle donne nella crisi del Coronavirus non è ancora presa in considerazione. “Ad aprile, venti donne sono state assassinate da uomini in Turchia. In sedici casi il luogo del crimine è stata la loro casa – in altre parole, il luogo del blocco proclamato dal governo”, ha affermato la politica di HDP. Ha aggiunto che si è verificato anche un immenso aumento della violenza fisica domestica e che i centri per il rifugio delle donne erano sovraffollati.

Osservando che la politica del governo è volta a proteggere gli autori di violenze anziché le donne, Ayse Başaran ha affermato che il governo ha messo in pericolo il diritto alla vita delle donne.

“Le donne vengono attaccate con i metodi dell’ISIS”, ha spiegato Ayşe Acar Başaran e ha fornito esempi di donne che sono state recentemente bruciate con l’acido, torturate a morte e assassinate tagliandole la gola.

Anche durante il periodo di pandemia, il governo ha proseguito senza interruzione con sua politica contro le donne e contro i curdi senza interruzione ha affermato e ha proseguito: “Un esempio di ciò è la rimozione dei sindaci eletti nelle municipalità delle città curde. In totale amministratori fiduciari sono stati nominati in quaranta comuni, gli ultimi otto durante la pandemia. Ai curdi viene quindi detto che ovviamente possono usare il loro diritto di voto, ma potrebbero non partecipare al governo e in caso contrario andranno in prigione. Dodici donne sindaco elette l’anno scorso sono ancora in prigione. “

Il sequestro delle municipalità di HDP attraverso fiduciari ha un impatto diretto sulla politica locale delle donne. Molte istituzioni femminili comunali sono state chiuse, mentre altre hanno smesso di funzionare dopo che gli uomini sono diventati superiori. Nelle municipalità ancora gestite da HDP, il lavoro delle donne si sta espandendo nonostante tutte le probabilità.

In questo ambito, Ayşe Acar Başaran ha osservato che una cooperativa femminile è stata fondata a Kars. I telefoni di emergenza delle donne sono stati installati a Silopi e Siirt. Il centro femminile Berfîn è stato aperto a Siirt, dove è in costruzione anche un complesso sportivo per donne.

“Nonostante i continui attacchi, le nostre municipalità continuano il loro lavoro, assumendo una prospettiva femminile come servizio per le donne e il popolo”, ha aggiunto la portavoce del Consiglio delle donne di HDP.

 

© 2020 UIKI Onlus Team

Scroll to top