Appello alle organizzazioni che sostengono i rifugiati per le donne e i bambini nel campo di Eyîn Îsa Reviewed by Momizat on . Quasi centomila cittadini scappati da Daesh a Raqqa e nei villaggi circostanti sono stati trasferiti in zone sicure dalle SDF. Volontari di Heyva Sor (Mezzaluna Quasi centomila cittadini scappati da Daesh a Raqqa e nei villaggi circostanti sono stati trasferiti in zone sicure dalle SDF. Volontari di Heyva Sor (Mezzaluna Rating: 0
You Are Here: Home » DIRITTI UMANI » Appello alle organizzazioni che sostengono i rifugiati per le donne e i bambini nel campo di Eyîn Îsa

Appello alle organizzazioni che sostengono i rifugiati per le donne e i bambini nel campo di Eyîn Îsa

Appello alle organizzazioni che sostengono i rifugiati per le donne e i bambini nel campo di Eyîn Îsa

Quasi centomila cittadini scappati da Daesh a Raqqa e nei villaggi circostanti sono stati trasferiti in zone sicure dalle SDF. Volontari di Heyva Sor (Mezzaluna curda) e l’Assemblea Civile di Raqqa hanno cercato di servire ai civili nella regione dove le organizzazioni dei diritti umani internazionali non hanno dato sostegno.

“Donne e bambini stanno vivendo in condizioni difficoltose nel campo. Per questa ragione tutte le organizzazioni internazionali devono mobilitarsi per aiutare i rifugiati” affermano i volontari sanitari.

La quarta fase dell’Operazione Ira dell’Eufrate lanciata dalle Forze Democratiche Siriane (SDF) per liberare Raqqa è proseguita per 4 giorni. Migliaia di civili si stanno ammassando nelle zone a nord di Raqqa. Negli ultimi 3 giorni almeno 15.000 civili sono stati liberati e trasferiti in zone sicure. Migliaia di civili sono stati salvati nei villaggi di Esediyê, Rehbet Aslah, Hettîn, Qahtaniyê, Rabya, Ya’rub, Ednaniyê, Xatuniyê, El-Yamama, Mişêrfa Miftah, El Raşid, Ebû Kubra, Tel El-Beyaa, Cezra, Mezraa El-Ensar e Rafqa. Dopo i controlli dei documenti di identità, i civili liberati sono stati ospitati nel campo di Êyn Îsa.

Le organizzazioni umanitarie non aiutano

Secondo i rapporti ricevuti dalla SDF, quasi centomila cittadini fuggiti da Daesh a Raqqa e nei villaggi circostanti sono stati trasferiti in zone sicure; tuttavia fino ad ora le organizzazioni internazionali non hanno dato alcun sostegno.

i volontari cercano di fornire aiuto

Heyva Sor e l’Assemblea Civile di Raqqa hanno lavorato insieme nella regione al fine di soddisfare le necessità sanitarie, alimentari e di alloggio dei rifugiati. Tra i volontari, il numero delle donne è considerevole. Abbiamo parlato con una volontaria della sanità nel campo di Eyîn Îsa, che è stato fondato il 7 novembre 2016, e che ospita migliaia di rifugiati.

Abbiamo possibilità limitate

Dichiarando che le organizzazioni umanitarie non hanno dato nessun sostegno, Şêrîn Ehmed ha affermato che hanno cercato di lavorare nonostante le risorse limitate. Şêrîn ha dichiarato: 4 dottori e 12 infermieri e un infermiera di consegna stanno lavorando nel centro sanitario. Abbiamo tre ambulanze per le situazioni di emergenza. Ovunque c’è una necessità, andiamo. I pazienti sono curati nel centro sanitario e mandiamo le persone che si trovano in condizioni peggiori negli ospedali del cantone di Kobanê o di Girê Spî.

Donne e bambini sono in condizioni di difficoltà

Un’altra volontaria della sanità Şêrîn Xelîl dichiara che le donne, in particolare quelle in gravidanza , sono colpite dalla guerra e per questa ragione sono depresse, e che questa situazione nel campo è veramente dura e i bambini si ammalano.

Affermando che ha lavorato nel centro sanitario per servire i cittadini da quando è stato aperto Dîcle Xelîl dice: “Donne e bambini stanno vivendo in condizioni difficili nel campo. Per questa ragione tutte le organizzazioni umanitarie internazionali si devono mobilitare per aiutare i rifugiati.

© 2013 UiKi ONLUS Team

Scroll to top