UIKI: Apello per elezioni 7 giugno in Turchia Reviewed by Momizat on . Car* amic*, come forse saprete, il prossimo 7 giugno si terranno le prossime elezioni politiche in Turchia. Gli elettori andranno a votare per rinnovare i 550 s Car* amic*, come forse saprete, il prossimo 7 giugno si terranno le prossime elezioni politiche in Turchia. Gli elettori andranno a votare per rinnovare i 550 s Rating: 0
You Are Here: Home » INIZIATIVE » UIKI: Apello per elezioni 7 giugno in Turchia

UIKI: Apello per elezioni 7 giugno in Turchia

UIKI: Apello per elezioni 7 giugno in Turchia

Car* amic*,

come forse saprete, il prossimo 7 giugno si terranno le prossime elezioni politiche in Turchia. Gli elettori andranno a votare per rinnovare i 550 seggi della Grande Assemblea nazionale della Turchia. Il sistema elettorale turco prevede una soglia di sbarramento del 10%, la più alta dei paesi OCSE. Questa soglia così elevata, adottata appositamente per escludere dall’arco parlamentare le rappresentanze politiche delle minoranze, ed in particolare dei curdi, ha costretto i candidati dei vari partiti curdi negli anni a presentarsi come indipendenti, per scongiurare l’eventualità di restare fuori dal Parlamento. Il nuovo partito che si presenta ora alle elezioni, però, si rivolge a tutti i cittadini: a quelli appartenenti alle “minoranze”, come i curdi, ma non solo. E’ questa una fra le ragioni della sua recente crescita anche nelle urne, misurata con lo straordinario risultato del suo candidato alla Presidenza della Repubblica, Selahattin Demirtaş, che ha raggiunto la percentuale del 9,8% il 10 agosto 2014, quasi raddoppiando i voti raccolti alle elezioni amministrative sempre del 2014, e raccogliendo dunque il consenso non solo della popolazione curda, ma di molti settori dell’opposizione all’AKP di Erdoğan, in particolare fra la sinistra turca giovane e internazionale che non si riconosce nel CHP, il partito kemalista erede di Atatürk.

L’HDP, Partito Democratico dei Popoli, che già dal nome rivela il suo progetto politico, aperto a tutte le componenti della popolazione turca, sulla base di un programma progressista, aperto alle minoranze, attivo sul versante della rappresentanza e dei diritti delle donne, e con un programma ecologico, ha deciso dunque di sfidare la soglia di sbarramento presentandosi come partito. E’ una scelta coraggiosa ma ragionata, che intende costituire una reale alternativa per la democratizzazione della Turchia: sarà un segnale chiaro per dire ancora una volta che i popoli della Turchia possono e vogliono convivere pacificamente nel rispetto dei diritti di tutti, che si deve proseguire sulla via del negoziato per una soluzione pacifica e politica della questione curda, per una società aperta e plurale, non repressiva e totalitaria.

E’ una scelta che ha bisogno di essere sostenuta: più forte sarà l’affermazione dell’HDP, più coraggio prenderà chi si impegna contro la repressione, per la tutela dei diritti, per le donne, per una società che includa tutte le componenti e dove il popolo si possa organizzare per far sentire la propria voce e contribuire alla crescita della società.

Per tutti questi motivi, e per la speranza si cambiamento che il messaggio dell’HDP rappresenta, vi chiediamo di dare risalto e di sostenere il progetto politico dell’HDP, qui dall’Europa (dove peraltro voteranno i cittadini residenti all’estero con diritto di voto), oppure recandosi in delegazione nel corso delle elezioni come osservatori, sia nei territori a maggioranza curda (dove solitamente è più elevata la probabilità di brogli e di irregolarità), ma anche nel resto del paese, per dare supporto e monitorare l’andamento del voto.

Ci troviamo di fronte a un momento cruciale per la democratizzazione della Turchia e per una soluzione della questione curda: un’affermazione forte dell’HDP in parlamento può contribuire su questa strada, per bloccare chi vorrebbe ritornare al passato e lavora contro la pace.

Per partecipare alla missione italiana degli osservatori occorre compilare la scheda di partecipazione che segue, da inviare via mail a info.uikionlus@gmail.com entro il 10 maggio 2015. Comunicazioni dettagliate saranno inviate più avanti.

SCHEDA DI PARTECIPAZIONE ELEZIONE 7 GIUGNO 2015
(da compilare ed inviare all’Ufficio d’Informazione del Kurdistan in Italia)

COMUNICO LA MIA DISPONIBILITA’ A PARTECIPARE,
IN VESTE DI OSSERVATORE INTERNAZIONALE, PER AVVIARE UN RAPPORTO DI SOLIDARIETA’ CON ORGANIZZAZIONI DELLA SOCIETA’ CIVILE E DEMOCRATICA IN TURCHIA, A UNA DELLE SEGUENTI DELEGAZIONI:

04/09 Giugno 2015, Per Elezione (550 euro biglietto a/r + albergo+trasferimenti interni + interpreti)

NOME E COGNOME:………………………………………
PROFESSIONE:………………………………………………
DATA DI NASCITA :……………………………………
SCADENZA DEL PASSAPORTO (in Turchia è valida comunque anche la carta d’identità):……
INDIRIZZO:………………………………………
RECAPITO TELEFONICO e E-MAIL :…………………………
LINGUE CONOSCIUTE:…………………………………
ALTRE ESPERIENZE ANALOGHE:……………………………………
Area di soggiorno PREFERITA (Amed, Van, Urfa,Turchia):………………
PARTENZA PRESCELTA (ROMA-/MILANO):…………………………

**
INVITATION for INTERNATIONAL OBSERVERS

Legislative elections in Turkey on June 7th, 2015 April 2nd, 2015

Dear Friends,
Legislative election in Turkey on June 7th, 2015 is of crucial importance in terms of democratization of the state. As the HDP (Peoples’ Democratic Party) representation in Europe, we would like to invite you as an international observer in order to enable total transparency and thus give indisputable results.

HDP (Peoples’ Democratic Party) decided to run as the party instead of independent candidates which was the case for the legislative elections in 2007 and 2011. The anti-democratic 10% electoral threshold prevented the Kurds as well as democratic forces in Turkey to be properly represented in the parliament. Pro-Kurdish political parties have therefore run for the elections with independent candidates to circumvent this threshold. Yet now, particularly after the electoral success (9.8%) of the HDP during the last presidential elections with the co-Chair Mr. Selahattin Demirtaş as candidate, the HDP together with its constituents decided to join elections as a party and to challenge the current electoral threshold.

An electoral success of the HDP will mean a lot in downgrading the authoritarian rule of President Erdoğan who wants to re-write the constitution and drive the country towards a reinforced presidential system free from check&balance mechanisms. As many opinion polls show, the only apparent way to prevent such an outcome is the HDP’s overcoming of the electoral threshold. The AKP government might therefore resort electoral frauds, as it has been case during previous elections. The upcoming elections are equally important for the sake of the ongoing peace process as well as many other issues related to democratization and transparency.

That is why the presence of international observers is of upmost importance for us; it can enable these elections to genuinely improve the democratic process in Turkey and thus prevent fraud. We invite you and your fellow colleagues to monitor the legislative elections of June 7th in Turkey in order to enable total transparency and thus give indisputable results.

For further information and registration, please do not hesitate to get in touch with our representation.

Sincerely yours,
Eyyup Doru
HDP Representative in Europe
Email: hdpeurope@skynet.be
Phone: +32 2 503 86 19

© 2013 UIKI-Onlus Team

Scroll to top