Amnesty International pubblica il suo rapporto ‘Sur’ Reviewed by Momizat on . Amnesty International (AI) ha pubblicato il suo rapporto su Sur, dove continuano coprifuoco e attacchi genocidi. Nel suo rapporto AI afferma che almeno 40mila p Amnesty International (AI) ha pubblicato il suo rapporto su Sur, dove continuano coprifuoco e attacchi genocidi. Nel suo rapporto AI afferma che almeno 40mila p Rating: 0
You Are Here: Home » DIRITTI UMANI » Amnesty International pubblica il suo rapporto ‘Sur’

Amnesty International pubblica il suo rapporto ‘Sur’

Amnesty International pubblica il suo rapporto ‘Sur’

Amnesty International (AI) ha pubblicato il suo rapporto su Sur, dove continuano coprifuoco e attacchi genocidi. Nel suo rapporto AI afferma che almeno 40mila persone sono state costrette a migrare ed elenca richieste dei civili sfollati.

Amnesty International ha pubblicato il suo rapporto su Sur, dove nello scorso anno si sono verificati attacchi genocidi e coprifuoco. Un’unità di Amnesty che ha esaminato la situazione e fatto interviste a Sur nel corso del 2016 ha prodotto il rapporto.

Di seguito le parti importanti del rapporto di Amnesty:
* Funzionari municipali stimano che i civili costretti a migrare da SUR siano circa 40mila.
* Almeno il 60 percento del distretto di Sur è stato espropriato secondo un progetto di trasformazione the espelle i residenti del distretto senza consultazione.
* Una donna intervistata ha raccontato ad Amnesty che il coprifuoco era in atto nella strada dove si trovava la sua casa e che dopo averla lasciata, la sua casa è stata saccheggiata e i mobili distrutti.
* Indubbiamente i residenti di Sur non hanno abbandonato volontariamente le proprie case e sono stati costretti a migrare.
* Molte persone hanno perso il lavoro dato che sono state espulse.
* Persone che vivevano in case in affitto a Sur nelle aree nelle quali sono state costrette a migrare pagano affitti che sono il doppio o il triplo di quelli che pagavano.
* Dopo un esame complessivo della situazione nella regione, si vede che i residenti sono stati ricollocati e che le case sono state distrutte come parte di un piano per garantire la sicurezza attraverso modifiche infrastrutturali e trasferimenti della popolazione.
* Nel maggio 2016, il governatorato di Diyarbakır ha informato Amnesty che entro il 9 marzo 2016 a Sur erano stati trovati i cadaveri di 65 soldati e poliziotti e di 65 persone collegate al PKK.
* I funzionari governativi hanno affermato che i servizi sono stati interrotti perché gli scontri hanno danneggiato le infrastrutture del distretto, ma locali hanno dichiarato che i funzionari hanno interrotto di proposito i servizi pubblici. In un’intervista ad Amnesty, un funzionario di polizia ha confermato le affermazioni della popolazione locale e ha detto che elettricità e acqua sono stati interrotti per demoralizzare la popolazione che combatteva contro i militari.
* Dovrebbero essere create condizioni per il ritorno o la ricollocazione dei residenti di Sur in modo onorevole e volontario.
* Dovrebbe essere messa fine ai coprifuoco immediatamente e andrebbero prese misure per il ritorno dei residenti espulsi, la riapertura delle attività e la ricostruzione della vita economica.
* Sia padroni di casa sia affittuari dovrebbero ricevere la garanzia di poter scegliere di ritornare nel distretto dopo il completamento dei progetti di ricostruzione.
* Una donna ha detto ad Amnesty che dopo essere stata espulsa, lei, suo marito e cinque bambini hanno perso ogni speranza e ha detto ‘Ho vissuto in povertà per tutta la vita. La mia casa era l’unica cosa che possedevo. Il mio unico desiderio era che mio figlio andasse all’università. Ora non ho più né la mia casa, né la speranza di mandare mio figlio all’università. ‘
* I residenti di Sur dovrebbero essere informati sugli espropri e consultati prima di prendere misure che riguardano il futuro del distretto.

Link al rapporto di Amnesty Internazional: https://www.amnesty.org/en/documents/eur44/5213/2016/en/

© 2013 UIKI Onlus Team

Scroll to top