Aggiornamenti degli scontri e dichiarazioni dal KOBANE Reviewed by Momizat on . 00.00 - Gli amministratori del cantone di Kobanê combattono sul fronte Il cantone di Kobanê del Kurdistan occidentale, Rojava, dove oggi sono scoppiati violenti 00.00 - Gli amministratori del cantone di Kobanê combattono sul fronte Il cantone di Kobanê del Kurdistan occidentale, Rojava, dove oggi sono scoppiati violenti Rating: 0
You Are Here: Home » NOTIZIE » Aggiornamenti degli scontri e dichiarazioni dal KOBANE

Aggiornamenti degli scontri e dichiarazioni dal KOBANE

Aggiornamenti degli scontri e dichiarazioni dal KOBANE

00.00 – Gli amministratori del cantone di Kobanê combattono sul fronte

Il cantone di Kobanê del Kurdistan occidentale, Rojava, dove oggi sono scoppiati violenti scontri dopo che bande di ISIS si sono infiltrate nei quartieri nella parte orientale della città, vede l’eroica resistenza e la determinata risposta agli attacchi di ISIS da parte dei e delle combattenti delle YPG/YPJ (Unità di Difesa del Popolo/delle Donne). La storica resistenza a Kobanê vede sul fronte anche personaggi di spicco come la co-presidente del PYD (Partito di Unione Democratica) Asya Abdullah, il presidente del cantone Enver Müslüm e ministri che prendono parte ai combattimenti contro le bande di ISIS. Rivolgendosi alla comunità internazionale dal fronte, l’amministrazione del cantone ha sollecitato tutti ad agire senza perdere tempo per impedire un massacro di civili e ha chiesto al popolo curdo ad insorgere ovunque si trovi.

 

01:15 Aerei della coalizione colpiscono l’est di Kobanê
L’agenzia stampa Hawar (ANHA) ha riferito che aerei da guerra della coalizione guidata dagli USA hanno colpito l’est di Kobanê dopo che i curdi in tutto il mondo sono insorti a fronte del massacro che minaccia popolazione di Kobanê sotto l’attacco delle bande di ISIS. Si riferisce che un cannone e un veicolo carico di armi pesanti per ISIS sono stati distrutti nell’attacco aereo.

 

10:00 Violenti scontri a est e a sud di Kobanê

Nei quartieri a est di Kobanê sono in corso intensi e violenti scontri tra le bande di ISIS che stanno compiendo attacchi intensificati contro Kobanê e le forze delle YPG che resistono eroicamente agli attacchi. Anche gli attacchi di ISIS dal fronte sud incontrano una forte resistenza da parte delle YPG. La storica resistenza di Kobanê contro gli attacchi delle bande continua eroicamente per il 22° giorno. Secondo informazioni da un reporter di ANHA sul posto, gli attacchi di ISIS che entrava nei quartieri a est di Kobanê sono proseguiti per tutta la notte. Rispondendo con forza agli attacchi, i combattenti delle YPG hanno inflitto gravi perdite alle bande. Mentre dagli attacchi non hanno ottenuto risultati, le bande hanno avuto dozzine di perdite.
Violenti scontri hanno avuto luogo sui fronti sud, est e ovest della città per tutta la notte. Mentre non è stato chiarito l’esatto numero delle perdite subite dalle bande, viene riferito che gli scontri nelle prime ore del mattino si sono intensificati sui fronti a est e a sud.

10:10 -Il ministro della difesa di Kobanê chiama alla resistenza
Ismet Sheyh Hesen dichiara che i combattimenti non si stanno svolgendo in centro, ma proseguono ancora intensamente a sud e a est della città. Inoltre chiama tutte e tutti alla resistenza contro il minacciato massacro. Hesen prosegue dicendo che la linea di confine è sotto il controllo delle Unità di Difesa del Popolo YPG e che in città si trovano ancora dei civili.
10:55 -Portavoce del cantone di Kobanê fa appello per sostegno alla popolazione civile
Il portavoce del cantone di Kobanê Mehmud Beşar dichiara all’agenzia stampa ANHA che la resistenza contro IS sarà portata avanti in qualunque forma. “Tuttavia al momento ci sono difficoltà nel rifornire di cibo la popolazione. A questo scopo al momento abbiamo bisogno tutto l’aiuto possibile”, così Beşar. Molte persone dei villaggi circostanti negli ultimi giorni e nelle ultime settimane si sono lasciate dietro ogni loro bene e avere per fuggire nel centro della città. Ma per via dell’embargo contro Kobanê al momento ci sono forti ristrettezze nell’approvvigionamento delle persone in città. “Inoltre queste persone sono esposte al grave pericolo di un massacro. Abbiamo bisogno di sostegno urgente per aiutare queste persone ”, prosegue Beşar.

 

 

© 2013 UIKI Onlus Team

Scroll to top