35 donne uccise in sei mesi Reviewed by Momizat on . Le donne sono state prese di mira dal concetto di distruzione totale rivolto alla popolazione curda in Kurdistan e a ovest.Miray tre mesi,Helin 12 anni e Taybet Le donne sono state prese di mira dal concetto di distruzione totale rivolto alla popolazione curda in Kurdistan e a ovest.Miray tre mesi,Helin 12 anni e Taybet Rating: 0
You Are Here: Home » DONNE » 35 donne uccise in sei mesi

35 donne uccise in sei mesi

35 donne uccise in sei mesi

Le donne sono state prese di mira dal concetto di distruzione totale rivolto alla popolazione curda in Kurdistan e a ovest.Miray tre mesi,Helin 12 anni e Taybet 52 anni,complessivamente 35 donne sono state uccise dai soldati e dagli attacchi della polizia.

Secondo una ricerca del KJA (Congresso delle donne libere) 35 donne sono state uccise in 6 mesi dalle forze dello stato.Secondo il rapporto del KJA l’elenco delle donne uccise è come segue:

* Günay Özarslan: è stata giustiziata a casa sua dalla polizia per essere stata sospettata di “essere un attentatrice suicida” nel quadro delle operazioni del 24 luglio.

* Hanife Durak (80):Il 17 agosto durante il coprifuoco a Silvan la polizia ha tirato una granata contro la folla.È morta di attacco di cuore a causa di questo attacco.

* Fatma Öktem (55): Il 31 agosto è stata colpita e uccisa dai cecchini mentre stava dormendo sul tetto di casa sua a Silopi distretto di Sirnak.

* Xetban Bülbül (65):Il 4 settembre è morta di attacco al cuore a causa di una violenta esplosione durante il coprifuoco a Cizre distretto di Sirnak.

* Ayten Gülhan (32): la polizia l’ha presa di mira e l’ha uccisa durante uno contro tra la polizia ed il PKK.

* Cemile Çağırga (10): Il 6 settembre è stata colpita e uccisa dai cecchini mentre si trovava seduta davanti a casa sua.

* Meryem Süne (53):L’8 settembre la polizia ha aperto il fuoco casualmente sulla gente dai veicoli blindati.È stata colpita e uccida durante l’attacco.

* Zeynep Taşkın (17):Il 9 settembre è stata colpita e uccisa dai corpi speciali a Cizre mentre teneva il suo bambino tra le braccia.

* Ruken Demir (18): Il 12 settembre è si era unita alla manifestazione di protesta a Diyarbakir contro il coprifuoco.È stata colpita e uccisa da un proiettile della polizia.

* Alya Temel (48): È stata uccisa il 25 settembre dai soldati a Beytüşebap distretto di Şırnak.

* Elif Şimşek (8):Il 27 settembre la polizia ha sparato un colpo di Bazooka sulla sua abitazione.Ha perso la vita durante l’attacco.

* Mülkiye Geçgel (48):Il 28 settembre è stata colpita e gravemente ferita dai corpi speciali a Cizre.Ha perso la vita subito dopo l’attacco.

* Latife Tutuk (23): Il 27 settembre è stata colpita e uccisa dai soldati mentre si stava recando nell’abitazione di alcuni vicini a Silopi.

* Hayriye Hüdaverdi (70):Il 6 ottobre dopo la dichiarazione di coprifuoco a Silvan distretto di Diyarbakir,è stata colpita e uccisa da un proiettile della polizia durante un attacco della polizia e dei corpi speciali.

* Helin Hasret Şen (12):Il 10 ottobre è stata uccisa dalla polizia mentre si stava recando a comprate il pane a Sur distretto di Diyarbakir.

* Dilek Doğan (25):Il 18 ottobre è stata giustiziata davanti alla sua famiglia durante una perquisizione in casa a Istanbul.

* İsmet Gezici (55):L’11 novembre è stata giustiziata da cecchini a Silvan distretto di Diyarbakir.

* Selamet Yeşilmen (44):L’11 novembre è stata giustiziata davanti a casa sua dal fuoco aperto da un veicolo blindato a Nusaybin distretto di Mardin.

* Fatma Yiğit (17): Il 12 novembre i soldati hanno tirato una granata contro la popolazione.Ha perso la vita durante l’attacco a Silopi distretto di Sirnak.

* Güler Eroğlu (20):Il 2 dicembre è stata giustiziata dalla polizia a Sur distretto di Diyarbakir.

* Dilan Kortak (19): Il 3 dicembre è stata giustiziata a casa sua durante una perquisizione della polizia a Istanbul.

* Fehime Aktı (56):Il 12 dicembre ha perso la sua vita durante un attacco della polizia a Nusaybin distretto di Mardin.

* Hediye Şen (30): il 16 dicembre è stata uccisa da un proiettile della polizia a Cizre distretto di Şırnak.

* Taybet İnan (57): Il 20 dicembre è stata giustiziata in strada mentre stava reggendo una bandiera bianca per la pace a Silopi distratto di Şırnak.

* Zeynep Yılmaz (45): Il 20 dicembre è stata uccisa durante un attacco con una granata a Cizre distretto di Şırnak.

* Emire Gök (39):Il 20 dicembre la polizia ha aperto il fuoco sudi lei mentre si trovava in giardino.Ha perso la sua vita sul colpo.

* Ayşe Buruntekin (40): Il 2o dicembre è stata colpita e uccisa dai proiettili sparati da un veicolo blindato a Silopi distretto di Şırnak.

* Cahide Çıkal (35): Il 22 dicembre ha perso la sua vita da un frammento di proiettile a Cizre distretto di Şırnak.

* Şirin Öter e Yeliz Erbay: Il 22 dicembre sono state giustiziate dalla polizia durante una perquisizione in casa a Gaziosmanpaşa distretto di Istanbul.

* Amine Duman (70):Il 22 dicembre aveva avuto un attacco di cuore ma non è stato possibile portarla all’ospedale a causa degli scontri intensi a Cizre distretto di Sırnak. Ha perso la sua vita.

* Azime Aşan (50):Il 23 dicembre è stata uccisa da un bombardamento della sua abitazione.

* Sebahat Kılıç (28): Il 23 dicembre è stata uccisa dal fuoco aperto dai corpi speciali sulla sua abitazione a Dargeçit distretto di Mardin.

* Miray İnce(3- mesi):Il 25 dicembre è stata uccisa nelle braccia di sua madre Cizre distretto di Şırnak.

(gc/gd)

© 2013 UIKI Onlus Team

Scroll to top