33 associazioni di avvocati chiedono al governo di rilasciare prigionieri Reviewed by Momizat on . Secondo i dati rilasciati dall'Istituto di statistica turca (TurkStat) nelle carceri turche ci sono circa 270.000 detenuti. La preoccupazione è crescente perchè Secondo i dati rilasciati dall'Istituto di statistica turca (TurkStat) nelle carceri turche ci sono circa 270.000 detenuti. La preoccupazione è crescente perchè Rating: 0
You Are Here: Home » DIRITTI UMANI » 33 associazioni di avvocati chiedono al governo di rilasciare prigionieri

33 associazioni di avvocati chiedono al governo di rilasciare prigionieri

33 associazioni di avvocati chiedono al governo di rilasciare prigionieri
Secondo i dati rilasciati dall’Istituto di statistica turca (TurkStat) nelle carceri turche ci sono circa 270.000 detenuti. La preoccupazione è crescente perchè il sovraffollamento può aiutare la diffusione del Coronavirus come di altre patologie.
L’emergenza del Coronavirus ha indotto trentatre associazioni di avvocati chiedono al governo di Turchia di rilasciare i detenuti. La dichiarazione afferma che le sentenze devono essere sospese o scontate a casa data la situazione di estrema emergenza. La dichiarazione ha ricordato che migliaia di detenuti sono stati rilasciati in Iran per evitare la diffusione del virus e che misure simili sono state adottate da altri paesi.
Il ministro della giustizia il 13 marzo ha sospeso le visite in carcere e gli incontri con gli avvocati fino alla fine di aprile. La dichiarazione sottolinea che il diritto ad incontrare i propri parenti e gli avvocati è per i detenuti l’unico modo di comunicare con il mondo esterno e ha aggiunto che ” questa non è una misura che si adatta allo scopo”.
La dichiarazione ha anche sottolineato che le carceri in Turchia sono sovraffollate e questo limita l’accesso al disinfettante e ai prodotti per la pulizia. Ci sono migliaia di detenuti malati, di detenuti anziani, donne e bambini in detenzione. Devono essere adottate misure urgenti e globali e soluzioni devono essere sviluppate per combattere efficacemente questa epidemia e ridurre al minimo i rischi potenzialmente letali.
La dichiarazione ha anche ricordato che il virus può essere trasmesso non soltanto dai pareti dei detenuti ma anche dalle guardie carcerarie e dal personale della sicurezza, sottintendendo che dovrebbe essere adottato un approccio diverso per affrontare efficacemente l’emergenza.
Le organizzaioni che hanno adottato la dichiarazione sono: Adana, Adıyaman, Ağrı, Amasya, Ankara, Artvin, Batman, Bolu, Bursa, Bitlis, Bingöl, Diyarbakır, Düzce, Hakkari, Hatay, Gaziantep, Gümüşhane-Bayburt, İstanbul, İzmir, Kocaeli, Manisa, Mardin, Mersin, Muş, Ordu, Osmaniye, Siirt, Şanlıurfa, Şırnak, Tunceli, Tekirdağ, Van, Yalova.

© 2013 UIKI Onlus Team

Scroll to top