3 vite che seguivano la libertà: Seve, Pakize, Fatma Reviewed by Momizat on . Behiye Nayir, madre di Pakize Nayır, una delle tre donne curde uccise durante il "coprifuoco" dichiarato a Silopi due anni fa, ha parlato di sua figlia. "Le pia Behiye Nayir, madre di Pakize Nayır, una delle tre donne curde uccise durante il "coprifuoco" dichiarato a Silopi due anni fa, ha parlato di sua figlia. "Le pia Rating: 0
You Are Here: Home » DONNE » 3 vite che seguivano la libertà: Seve, Pakize, Fatma

3 vite che seguivano la libertà: Seve, Pakize, Fatma

3 vite che seguivano la libertà: Seve, Pakize, Fatma

Behiye Nayir, madre di Pakize Nayır, una delle tre donne curde uccise durante il “coprifuoco” dichiarato a Silopi due anni fa, ha parlato di sua figlia. “Le piaceva questa causa fin dall’infanzia. Le piacevano tutti quelli a cui piaceva questa causa,” ha detto Behiye, aggiungendo che avrebbe seguito la lotta di sua figlia.
 
Seve, Pakize e Fatma sono tre donne curde, uccise il 5 gennaio 2016 dalle forze dello Stato durante il coprifuoco dichiarato nel distretto di Silopi della provincia di Sirnak. Sono passati due anni da quando sono state uccise. Le tre donne, che avevano storie di vita diverse, si sono incrociate e sono diventate immortali il 5 gennaio. Una di queste donne di 24 anni, Pakize Nayır, è nata e cresciuta a Silopi. Si è presa la responsabilità della sua famiglia sia economicamente sia moralmente sin da quando era bambina. Ha iniziato a lavorare come lavoratrice tessile quando aveva 12 anni e ha lavorato come lavoratrice stagionale nei mesi primaverili. Ha sostenuto la sua famiglia mentre faceva parte della lotta per la libertà del popolo curdo. Si è unita alle opere delle donne e alla politica in tenera età. Ha continuato a sostenere la sua famiglia aprendo un salone di parrucchiere, mentre era co-presidente dell’Assemblea popolare di Silopi.
 
Dopo il coprifuoco dichiarato a Silopi il 14 dicembre 2015, i veicoli blindati hanno aperto il fuoco su Pakize, Seve Demir e Fatma Uyar e le hanno uccise il 4 gennaio. Behiye Nayır, madre di Pakize Nayır, che ricorda Pakize come una persona che è stata molto coraggiosa e non ha mai fatto un passo indietro, ha detto che avrebbe seguito la lotta di sua figlia, a qualunque costo.
 
Behiye mantiene la sua parola a sua sorella essendo amministratrice del Partito Democratico Popolare (HDP) di Silopi. Ha iniziato a parlare dopo aver baciato la foto di sua figlia scattata mentre studiava per l’esame di ammissione all’università.
 
“Le piacevano tutti quelli a cui piaceva questa causa”

 
Behiye ha dichiarato, “Le è piaciuta questa causa fin dall’infanzia. Leggeva libri; le piacevano tutti quelli a cui piaceva questa causa. Non era ingiusta verso nessuno; non ha fatto niente a nessuno. Era una giovane donna e lavorava. Aveva il suo salone. Era una donna laboriosa e intelligente. Era la speranza della nostra famiglia e proteggeva tutti. Fin dalla sua infanzia, ha cercato di aggiungere qualcosa a questa lotta e alla fine ha perso la vita per questa lotta.”
 
Behiye ha detto che non dimenticherà mai quella notte e che la ferocia non era solo contro sua figlia ma contro tutti i curdi e ha aggiunto: “I nostri figli sono curdi. Hanno lottato per la loro causa e la loro lingua. Volevano avere giustizia e libertà. Perché ognuno ha il diritto di chiedere queste cose e i curdi no? Mia figlia era un membro del partito. Ha ottenuto la sua identità di partito dalla stazione di polizia, lo sapevano. Ma quello che hanno fatto, l’hanno prima ferita e poi hanno aperto il fuoco su di lei e l’hanno uccisa. Quindi, l’hanno definita “una terrorista”. Se vivi nel territorio del Kurdistan, sei considerato un terrorista anche se hai tre anni.”
 
‘Sosteniamo la loro causa’

 
Behiye ha sottolineato che seguirà e sosterrà la lotta della figlia, non importa cosa accadrà e che realizzerà la sua lotta rimasta incompleta. Behiye ha proseguito come segue: “Mia figlia ha chiamato l’ambulanza molte volte quel giorno. Ha detto: “Siamo feriti, possiamo morire di emorragia.” Ma non hanno mandato l’ambulanza e hanno aperto il fuoco su mia figlia e le sue amiche. Sosteniamo la loro causa. Seguirò la sua lotta fino alla morte. Seguirò la lotta dei figli del nostro popolo. Mia figlia sapeva cosa stava facendo, quindi avevano paura di lei.”

© 2013 UIKI-Onlus Team

Scroll to top